Salva la terra che è tua, uomo del Sud

 

Promontorio Calino

 

 

“Salva la terra che è tua, uomo del Sud”

Quando le parole di un profeta di Dio scomunicarono in anticipo i potenti vampiri della S.S.275

 di Giacomo Cazzato

Quando al pomeriggio mi metto a guardare la costa dal cucuzzolo del Calino, lì su torre Nasparo , la più alta tra tutte quelle che guardano ad est, fino al bianco faro di Palascìa, non posso non dire che tocco quasi quasi il cielo. Credo, credo di provare le stesse sensazioni che Leopardi immortalò mirabilmente in quel “e mi sovvien l’eterno” in una delle sue più celebri espressioni d’animo. Sono spinte verticali quelle del verde chiaro delle vallonee in primavera; l’azzurro che sbrilluccica col sole sul fondo bianco e roccioso al largo di quel piccolo scalo scavato quel poco che basta per tirar su le barchette, usato da mio nonno o magari dal mio bisnonno Bartolomeo;  i grandi ulivi che come monoliti mi proteggono le spalle, lì nel fondo che pur stando appena in Tiggiano si chiama “Gallone”, nome che parla già lungamente di quelli che furono i tempi di un passato tanto, tanto lontano. 

Nel preparare alcune letture per un seminario in università mi sono imbattuto in un’ode di un uomo, un poeta di Dio, che pare proprio essere stata scritta oggi e che parla dello stesso luogo in cui ogni tanto mi perdo, anche se da diversa angolazione. Un’ode che Turoldo l’ha  indirizzata a noi, noi gente del Sud, noi del Capo di Leuca.

A coloro i quali, uomini del Sud, hanno permesso e permetteranno con stupide infrastrutture destinate a riempire la pancia con l’accordo comune del latrocinio di stato, pare proprio che David Maria Turoldo voglia imprimere il marchio bruciante di una scomunica, di una scomunica gravissima, poiché coscienze senza fede nell’uomo, senza fede nella natura, senza fede in una cultura salentina che dovrebbe essere appunto “nuova ed antica”.

Vi lascio alle sue parole, a lui che della poesia ha fatto “ultima fede”.

 

Torre Nasparo

Nessuno qui è senza radici

 

Uomo che porti un volto di secoli:

quando la terra è intatta ancora

-almeno il lembo di terra che è tuo!-

quali le Doline al Porto di Tricase,

e tu puoi affacciarti alla grande

finestra sul mare, a Calino

-già nome che ti annoda alle origini-

 e guardi alla sponda da dove

sulle onde ti giunge il saluto

della Madre della Luce: a Calino

nome della originaria Bellezza

salvatrice: alle spalle lascia

il folle paese, e con rostri e unghie

resisti alla seduzione di morte

che viene dal Nord, e non cedere, o Gente,

alla ricchezza vampira!

 

Salva la terra che è tua, uomo

del Sud, la libera terra

austera e antica! E questa

cultura sia la placenta

della tua umanità più vera: qui

ove vita fiorisce, come

fra le rocce i germogli, e nessuno

qui è senza radici:

tutti orgogliosi d’essere

nuovi e antichi…

2 Commenti a Salva la terra che è tua, uomo del Sud

  1. Orgoglio e amore: questi sono i pilastri di un sentire forte e radicato che fanno uscire dal profondo il grido della protesta, contro corruzione e distruzione. Non dobbiamo permettere mai che la nostra bella terra venga violata e deturpata in nome di un progresso inutile e menzognero, non permetteremo che si faccia scempio delle nostre bellezze che solo preservandole saranno capaci di fare la nostra vera ricchezza.Grazie a chi alza la voce in nome di tutti.

  2. Rileggo le parole di Giacomo, appassionate come è giusto che sia per sensibilità illuminate, rileggo le parole di D.M.Turoldo, icastiche, incisive, in questi giorni, in queste ore…e le vedo aderire al destino di un’altra contrada, al di qua del faro della Palascia, una Otranto che conserva a fatica sentori di mirabilie dell’anima e che svende la sua storia per quattro corsie.
    “Uomo che porti un volto di secoli” perchè non proteggi una terra che porta ancora il volto arcaico delle origini’?

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!