Libri/ Ceramiche apule

Il libro affronta lo studio di un cospicuo e pregevole nucleo di reperti ceramici di produzione indigena apula tra il VII e il II sec. a.C., nell’ambito di una ricca collezione archeologica privata donata al Museo Diocesano di Trani, dove è esposta dal 1998.
Consta di un catalogo, corredato di immagini di riferimento per ogni pezzo, e di uno studio analitico che, attraverso la ricerca di confronti con pezzi editi da contesti di scavo, ne propone un inquadramento stilistico e cronologico altrimenti negato dall’irrimediabile perdita delle informazioni sulla provenienza.
Si cerca di fornire, dunque, strumenti accessibili che, anche nelle mani dei poco esperti, possano giovare alla pubblica fruizione di un patrimonio gelosamente raccolto da un appassionato e poi generosamente donato al Museo con l’intento di favorirne la conoscenza.
D’altra parte, la pubblicazione rappresenta un’ulteriore risorsa per gli specialisti per integrare le conoscenze già acquisite sull’artigianato della Puglia preromana con i dati dispersi dal collezionismo privato. Questo tipo di confronti per gli studi sulle ceramiche può restituire così un panorama dell’artigianato antico più vario di quello conosciuto, aggiungendo alle produzioni vascolari più diffuse e documentate quelle più estrose e bizzarre che, evidentemente, sfuggono alla letteratura archeologica perché predilette dal gusto collezionistico. 

L’autore
Stefania Vania, nata a Trani (Ba) nel 1975, ha conseguito presso l’Università di Bari la Laurea in Lettere Classiche ad indirizzo storico-archeologico e il Diploma di Specializzazione in Archeologia Classica; attualmente è dottoranda di ricerca in Scienze Archeologiche e Storico-Artistiche presso l’Università Federico II di Napoli.
Nell’ambito di un interesse per le civiltà della Puglia in contatto con la Magna Grecia, integra le esperienze di scavo in alcuni siti indigeni (Herdonia, Muro Tenente, Monte Sannace) con lo studio dei reperti ceramici.

Stefania Vanìa

Ceramiche apule della collezione Lillo-Rapisardi
nel museo diocesano di Trani 

Collana: Itinerari 2003, pp. 136 con 100 ill a colori e b/n, € 22.00
ISBN: 88-88550-32-1

 

http://www.progedit.com/index.php

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!