Ieri e oggi; e domani?

di Maria Grazia Presicce e Armando Polito.

Certe volte gli storici sembrano arrabattarsi in sottili distinguo e in ragionamenti che rasentano la masturbazione mentale e ci viene la tentazione di affermare che la più grande fesseria detta da Cicerone fu l’historia magistra vitae.  Ci hanno fatto pensare l’una cosa e l’altra (in realtà si tratta, per quel che vale, della conferma di un convincimento maturato da tempo…) questa poesia, apparsa centotrentotto anni fa  sul giornale leccese Il Propugnatore, la cui attualità lasciamo giudicare al lettore.

Tutte le strade conducono a Roma.

Proverbio

 

Amici miei, chiedete che in faceto

stile, raccozzi un qualche mio sciloma1?

Sia pur cosaccia, aborto, mostro o feto?

Asino stanco addosserò la soma

che m’imponete, e sarà cura mia

di farla entrare, o bene o male, in Roma.

Se entrarvi non potrò per piana via,

v’entrerò come esercito italiano,

rompendo o scavalcando Porta Pia.

Eccomi dunque con la penna in mano,

senza piano formato, e senza tema

metitabondo2 innanzi al Vaticano!

Oh! sono entrato, non vi colga tema

ch’io voglia uscirne se la Capitale

pria non mi fornirà del dir lo schema.

Dal Vaticano passo al Quirinale;

ma non trovando qui mezzo oratorio,

un classico spiattello e vieto: vale!

E difilato vado al parlatorio,

dove siedono due, tre o quattrocento

sopra la zucca di Montecitorio.

Qui si spera o si teme, un mutamento

di Ministeri, e per i deputati

si preconizza un certo scioglimento.

Se pure i primi saranno cambiati,

ugual zuppa si avrà, ugual scodella,

tasse e balzelli cibo agli affamati:

Sella e Mingheti, ovver Minghetti e Sella3

e se unite saran queste mignatte,

perdio! ci spremeranno le budella!

Ciascun di questi intanto il chiodo batte

onde alla destra dar la maggioranza.

E la sinistra?…se ne sta in ciabatte?

Si sa che del Potere è vecchia usanza

di sempre tirar acqua al suo mulino,

contro le leggi di buona creanza.

Si abbindola o s’illude il popolino,

si seduce e s’inganna il popolaccio,

e orecchio da mercante fa Pasquino4.

D’oro e d’impieghi poi si stende un laccio,

a quei che posson farsi portavoce

dell’attual Ministeriale impaccio.

Questi adottando insinuante voce

promettono de’ Sindaci all’orecchio

di Maurizio e di Lazzaro la croce5.

Ma spero che l’adagio: a santo vecchio

non si accende più lampada votiva,

sia di tal storpiatura l’apparecchio.

Or un governo con legge elettiva,

con libertà di stampa e d’opinione,

con ciarlatoria rappresentativa,

non vi è senso comun non vi è ragione

ch’esista e stia, se non per minchionarci

quando manca la sana opposizione.

Opposizione o Morte!!! o a…rivederci. (1)

 

                          C. Briganti6

 

(1) In tutte l’edizioni si è incorso nell’errore di stampa dell’ultima parola, che non fa rima, e si ha motivo di credere che nel medesimo errore s’incorrerà ancora nelle future edizioni.

 

____

1 Ragionamento lungo e contorto. La voce è dal greco skolìoma=curva, da skoliòomai=incurvarsi e, detto di piante, avere radici tortuose; a sua volta skoliòomai (che presenta solo assonanza con quel verbo italiano che, fra l’altro, indica proprio l’effetto che sull’ascoltatore produce un ragionamento lungo e contorto…) è da skòlion=scolio, canto conviviale e skòlion  è da skoliòs=tortuoso. Sarà questo il padre di tutti? No, perché skoliòs è da skelos che può significare gamba, zampa, supporto o sostegno laterale di una macchina, in medicina estremità di una benda e in retorica parte di un periodo.

2 Sic.

3 Marco Minghetti fu Presidente del Consiglio  dal 1873 al 1876 e, pur appartenendo alla Destra, nel corso della legislatura si trovò in disaccordo con essa.  Quintino Sella fu ministro delle finanze e nel 1875 le casse dello stato raggiunsero per la prima volta il pareggio di bilancio grazie all’inasprimento delle tasse, tra le quali, la più impopolare fu quella sul macinato. Da notare come l’ironia grafica di Mingheti (a meno che non si tratti di un errore di stampa…) non ha potuto nel rispetto della par condicio, forse solo per esigenze di rima,  trovare il suo parallelo in Sela.

4 Statua mutila in stile ellenistico rinvenuta nel 1501 e divenuta famosa per le pasquinate, cioé i cartelli satirici, contro i potenti, che di solito durante la notte le venivano appesi al collo.

5 Quello dei Santi Maurizio e Lazzaro è un ordine cavalleresco che da Carlo Alberto di Savoia era stato aperto anche ai non nobili.

6 Potrebbe essere don Carmelo Briganti, poeta e parroco originario di Cellino San Marco; in tal caso la sua poesia sarebbe opera giovanile, tanto più preziosa se si pensa che il regime fascista mandò al rogo tutti i suoi scritti.

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!