Oggi più che mai ho tanto bisogno dei miei Ulivi…

ph Donato Santoro

di Silvana Bissoli

Avrei voluto con immensa gioia partecipare a tutti una notizia che attendevo in questi giorni. Una gioia smorzata purtroppo dalle notizie che riguardano il destino di tanti, troppi “Amici” e che mi coinvolgono profondamente. Sono stati questi giorni in cui l’urgenza di fare qualcosa ha preso il sopravvento.  La sensazione sgradevole di subire un grave torto, senza poter fare nulla, mi ha indotto a una frenetica e spasmodica ricerca di notizie, d’informazioni da lanciare al mondo come un grido d’aiuto, sperando ci fosse qualcuno capace e in grado di trovare soluzioni immediate, in una corsa contro il tempo.

Mi sono sempre chiesta chi sia un artista e che ruolo abbia all’interno della società: se colui, che crea dal nulla un oggetto al quale attribuisce e affida un pensiero o chi inventa modi espressivi mai trovati prima, per cui, a volte, poco importa il contenuto; se debba avere il beneplacito della critica o se basti vedere negli occhi del pubblico, sincero trasporto emotivo davanti ad un lavoro.  Qualunque sia la risposta a queste domande, io mi considero un’artigiana dei sentimenti.  Così, bocche spalancate e occhioni sgranati di bimbi incantati di fronte ai patriarchi dalle mille forme fantastiche o il luccichio di una lacrima, nel trasporto di un ricordo che riaffiora dal passato di uomini e donne o i sorrisi compiaciuti di ragazzi, bisognosi di credere che i sogni possano avverarsi, valgono più di ogni altro riconoscimento.

Silvana Bissoli ad Imola, nel 2012, a la place des Artistes

Oggi più che mai ho tanto bisogno dei miei Ulivi, ho bisogno che mi indichino la strada per giungere anche al cuore più difficile e chiuso, che mi sussurrino parole che penetrino nell’intimo, specialmente dei giovani, più aperti e curiosi, così che comprendano tutta la sacralità e il valore dell’Ulivo e crescano nella consapevolezza che la conservazione di un territorio dipende soprattutto dalla collettività.

Grazie al patrocinio del comune di Lecce, porterò i miei Ulivi (gli unici Ulivi felici di viaggiare!) dal 15 giugno al 2 luglio, presso l’ex Conservatorio Sant’Anna con un’esposizione che ho voluto intitolare: “Quello che gli Ulivi ci dicono…”. Sarà questa una meravigliosa occasione per sensibilizzare e dare voce ai nostri testimoni del tempo, custodi della nostra storia e voce dei nostri sentimenti.

5 Commenti a Oggi più che mai ho tanto bisogno dei miei Ulivi…

  1. Cari amici,

    gli DEI sembrano voler bene agli ulivi della Statale 16 e al Movimento “SALVIAMO GLI ULIVI DEL SALENTO”, che tra web e media si adopera per salvarli da circa un mese, sostenendo e diffondendo la petizione online promossa da Angelo Amato (Olivinopoli), Roberto Guido (quiSalento) e Danilo Lupo (Telerama), che vanta oltre 2200 firme raggiunte e un grosso seguito di contatti e sostegni (http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=P2012N21915).

    Una croce greca incisa su una parete e tracce di quella che potrebbe essere un’antica vasca parlano chiaro nel ritrovamento di un ambiente ipogeo, una cripta probabilmente protocristiana, nei pressi della Statale 16, come sapete interessata da un progetto di ampliamento a 4 corsie che porterebbe all’abbattimento di 8000 alberi di ulivo. Il ritrovamento resta non lontano dall’Abbazia di Centoporte, lungo l’antica strada che univa Lecce a Otranto passando per i vecchi casali andati distrutti di Torcito, Anfiano, Palanzano e San Basilio. La realtà è emersa grazie al sopralluogo delle associazioni Nuova Messapia, Forum Ambiente e Salute e Coordinamento Civico per la Tutela della Salute, del Territorio e del Cittadino. I volontari si trovavano in zona per monitorare gli ulivi destinati all’espianto, imbattendosi nel sito archeologico, che, in base al progetto del nuovo tracciato stradale, verrebbe completamente cancellato, trovandosi a pochi passi dal limite della strada esistente. La documentazione fotografica è stata già consegnata alla Soprintendenza per i Beni Architettonici. Il Movimento SALVIAMO GLI ULIVI DEL SALENTO, che ha nell’omonimo gruppo su Facebook il suo quartier generale virtuale, chiede pertanto l’intervento diretto dell’Università e della Soprintendenza ai Beni Culturali e Architettonici, affiancandosi alle istanze dei giornalisti che seguono gli eventi, chiedendo di valutare il valore e la rilevanza di quanto scoperto. Il ritrovamento costituisce un nodo cruciale della vicenda che riguarda gli Ulivi, cui le Istituzioni sono chiamate ora più che mai a rispondere con responsabilità, a partire dalle domande poste dai cittadini all’indomani della scoperta di segature irregolari a danno di decine di alberi d’ulivo, svelando che nel progetto di ampliamento non era stato pianificato affatto alcun reimpianto, se non per i soli 268 ulivi dichiarati monumentali. E’ dunque il momento buono per allargare la riflessione e capire su quale modello di sviluppo intendono investire il Salento e la Regione tutta, se valorizzando il proprio patrimonio ambientale ed archeologico per un turismo intelligente e fuor di retorica destagionalizzato o se spazzando via bellezza e storia a vantaggio del profitto e dello scempio. Intanto, chiamato in causa dagli artefici della scoperta, il professore Paul Arthur, docente di Archeologia Medievale all’Università del Salento, ha ammesso di non aver avuto conoscenza, prima, del sito, ritenendo molto interessanti le fotografie, che rivelano tutt’intorno alla cripta la presenza di probabili trincee con annessi fossati difensivi. Arthur effettuerà a breve un sopralluogo sul posto, per verificare meglio anche la possibile presenza di frammenti di ceramica. Di sicuro ad alcuni esperti quell’insediamento non è nuovo, essendo noto con il nome di “Craunuse”, un sistema di ambienti sotterranei scavati, in parte ancora interrato e in parte distrutto durante i primi lavori della Statale 16, così come si configura oggi.

    Il Movimento invita a seguire l’evoluzione degli eventi sul gruppo Facebook, costantemente aggiornato sulla cronaca e divenuto peraltro luogo di vivace scambio d’informazioni e opinioni, grazie al contributo costante di cittadini, esperti, associazioni e comitati. Alla vigilia della creazione di un Comitato di larga base per il monitoraggio sulla sorte degli ulivi della Statale 16, vi invitiamo ancora a firmare e diffondere la petizione a loro difesa: http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=P2012N21915.

    Grazie agli Dei e alla straordinaria legge delle combinazioni!

    Firmato da Chiara Idrusa Scrimieri ed Emanuela De Giorgi per Idrusa Visual Lab, laboratorio di cinematografia, comunicazione ed arti visive facente parte del Movimento SALVIAMO GLI ULIVI DEL SALENTO.

    Chiara Idrusa Scrimieri
    info@idrusa.net

  2. “I volontari si trovavano in zona per monitorare gli ulivi destinati all’espianto, imbattendosi nel sito archeologico…”

    Qualcuno ha già pensato: “Ma questi rompiscatole di volontari non potevano starsene a casa loro?”

    Bisogna stanare questi liberi pensatori (per quanto possa essere libero chi è schiavo della politica del profitto o del profitto della politica).

    La battaglia continua…

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!