Ed ora si invoca lo smantellamento dei pannelli fotovoltaici sulle aree agricole naturali del Salento

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa e la lettera aperta a tutte le autorità istituzionali preposte alla salute pubblica redatto dal Comitato Nazionale contro il fotovoltaico e l’eolico nelle aree verdi, e più in generale naturali.

Alle autorità tutte, dal Governo, alle regioni, province, comuni, sindaci, alle ASL (Aziende Sanitarie Locali), ARPA (Agenzie Regionali per la Prevenzione e l’Ambiente), e procure si chiede ormai a gran voce dai cittadini una sola azione dovuta: RIDATECI LA SALUBRITÀ E BELLEZZA DEI CAMPI, SMANTELLATE QUESTI ORRORI!

muoiono pecore e capre per gli impianti fotovoltaici (fotomontaggio simbolico)

La preoccupazione si è diffusa subito in tutt’Italia dove, nei campi in aree agricole, naturali e talvolta persino vicino abitazioni, stanno comparendo assurdi impianti fotovoltaici industriali. Nella Puglia del sud, la Puglia salentina, iniziano a morire pecore e capre che avevano brucato l’erba vicino agli ormai detti dalla gente, senza mezzi termini, “lager” di fotovoltaico nei campi, gli impianti industriali con pannelli a celle fotovoltaiche assurdamente ubicati nei campi rurali e naturali; campi di vita, biodiversità, e di produzione dei prodotti alimentari agro-silvo-pastorali tipici del Salento!!! Campi e prodotti alla base del tipico pittoresco paesaggio salentino e della locale cultura gastronomica!

ARPA Puglia aveva avvisato sul rischio ambientale da fotovoltaico, con una lettera aperta del suo direttore, il Prof. Giorgio Assennato, medico epidemiologo di fama internazionale, durante la campagna elettorale che poi riconfermò Nichi Vendola per il secondo mandato a Governatore della Regione Puglia, ma è rimasta inascoltata quella lettera di forte allarme sullo stato di calamità artificiale che si stava inaugurando con la speculazione ai danni dello Stato e la follia del fotovoltaico industriale!

Ora ARPA Puglia ha il dovere di inoltrare quegli stessi allarmi e quelle segnalazioni di pericolo, i cui effetti già si stanno verificando tristemente alle Procure, alle ASL, ed ai sindaci, massime autorità sanitarie locali, perché emettano le ordinanze di fermo degli impianti realizzati assurdamente in aree agricole e naturali, e affinché si proceda al loro urgente smantellamento!
Non è più solo un’ emergenza ambientale e paesaggistica, ma è anche ora una grave emergenza sanitaria! E non è più una sola emergenza Pugliese, ma nazionale, dato il dilagare ovunque di queste offese ad ogni scienza della pianificazione territoriale!

Oggi le prime morie di grandi mammiferi, pecore e capre che avevano brucato l’erba avvelenata là dove l’avevano sempre brucata, da millenni, nei pascoli del Salento, là stesso dove tanti salentini raccolgono le prelibate erbe eduli salentine per cibarsene, ma quelle terre son state ora usurpate dall’industria speculativa del fotovoltaico e rese insalubri, tossiche, nocive, mortali!!! A sole poche settimane dall’ASSURDA istallazione dei pannelli nei nostri campi già questa strage … quando moriranno anche le persone che vi vivono vicino, avvelenate dai diserbanti ipertossici che vi vengono adoperati e gettati in dosi massicce, forse le autorità competenti e responsabili agiranno, ma allora sarà troppo tardi, e pertanto non ce lo possiamo permettere di attendere più oltre!
Già nei mesi scorsi alcuni cacciatori salentini avevano denunciato sulla stampa locale l’anomalo ritrovamento di animali, uccelli e piccoli mammiferi selvatici, ritrovati morti per imprecisate cause proprio nei pressi di questi impianti!

Ora la tragedia si palesa in tutto il suo orrore con l’avvelenamento e morte di circa una decina tra capre e pecore!

QuotidianoPuglia, pecore morte impianti fotovolt, 27 2 2012

L’INTERA ITALIA RURALE E NATURALE VA BONIFICATA URGENTEMENTE DA QUESTI ANACRONISTICI IMPIANTI DA SMANTELLARE CON BONIFICA-RESTAURO DELLO STATO NATURALE-RURALE DEI LUOGHI!

E’ questa una priorità d’intervento a cui, senza se e senza ma, tutte le istituzioni, tutta la politica, tutte le amministrazioni e le forze di controllo vigilanza e giustizia, si devono occupare, ora e non domani!

Il fotovoltaico va ubicato solo e soltanto sui tantissimi tetti degli edifici più recenti, suoli questi inutilizzati e biologicamente morti ed in nessunissimo altro luogo, nessuno al di fuori delle aree industriali!

Ma le preoccupazioni non si limitano solo ai diserbanti gettati per uccidere, fare sterminio di ogni erba e muschio e forma di vita sotto i pannelli, molteplici sono infatti le forme di inquinamento ed alterazione della salubrità dei luoghi, trasformati in luoghi insalubri, correlate alla presenza di questi impianti industriali fotovoltaici.

Proprio in questi giorni come “Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi e più in generale naturali”, a cui si sono aggiunti 20 associazioni e comitati da ogni parte d’Italia, oltre a tante persone (e studiosi di vari campi di ricerca interessati alla problematica e che hanno dato il loro contributo), abbiamo inviato al Governo e in particolare al Ministro della Salute Renato Balduzzi e al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini una lettera contenente una denuncia sulla grave emergenza sanitaria a cui sono soggetti i cittadini che vivono o semplicemente sostano nelle immediate vicinanze di impianti fotovoltaici ed eolici industriali a terra. Il titolo del documento: “Denuncia grave emergenza sanitaria nazionale: a rischio la salute umana e gli interi ecosistemi vicini ad impianti industriali fotovoltaici ed eolici.”

Link: http://comitatonazionalecontrofotovoltaicoeolico.wordpress.com/2012/02/27/denuncia-grave-emergenza-sanitaria-nazionale-a-rischio-la-salute-umana-e-gli-interi-ecostistemi-vicini-ad-impianti-industriali-fotovoltaici-ed-eolici/

In particolare riguardo agli impianti fotovoltaici industriali a terra sono stati evidenziati, nella lettera al governo “tra gli altri, i seguenti effetti: inquinamento elettromagnetico generato dalle cabine di trasformazione, dai cavidotti e dagli elettrodotti posti nelle vicinanze delle abitazioni; pericolo di incendi; abbagliamento; rumore causato dalle cabine di trasformazione; possibile dispersione di sostanze nocive (ad esempio cadmio) contenute nei pannelli, per rottura degli stessi o a causa di fenomeni naturali; danni esistenziali e neuro-psicologici; inquinamento causato dai diserbanti irrorati a terra; variazioni microclimatiche nell’area circostante; peggioramento dello stato ambientale dei luoghi; danni agli ecosistemi; grave impatto visivo; ecc.”

Taluni pannelli infatti contengono tossico cadmio, arsenico, ed altre sostanze pericolose, ecc., e si dovrebbe fare più chiarezza sui correlati rischi di contaminazione, da parte delle autorità competenti di controllo prima di autorizzare l’ubicazione di simili pannelli nei nostri campi di vita che devono essere prioritariamente destinati alla vita e alla produzione dei prodotti alimentari nelle massime condizioni di salubrità ambientale a 360 gradi! Particolarmente grave pare sia il rischio di contaminazione dell’ambiente a seguito di rottura dei pannelli e loro dispersione in ambiente, e in caso del raggiungimento in questi di alte temperature da incendio di materiale vegetale o materiale plastico elettrico! Non a caso grande è la problematica dello smaltimento di questi pannelli!

In un precedente documento e lettera aperta sempre inviata al Governo, il “Comitato Nazionale contro Fotovoltaico ed Eolico nelle Aree Verdi e più in generale naturali” ha scritto a proposito: “Per misura precauzionale riteniamo che debbano essere banditi i pannelli al Telloruro di Cadmio dagli impianti fotovoltaici, di qualsiasi tipo e ubicazione, data l’alta nocività per la salute umana del Cadmio. Lo stesso dicasi per pannelli costruiti utilizzando altri elementi o sostanze nocive per la salute umana. Rischiamo un potenziale nuovo dramma sanitario nazionale legato al Cadmio, dopo quello ‘‘amianto eternit’’, e non possiamo consentirlo. Sebbene i substrati contenenti sostanze nocive possano essere incapsulati adeguatamente nei pannelli, gli elevati rischi di contaminazione dell’ambiente a seguito di rottura ed incendio, incidentalità queste incrementate dall’immensa estensione delle superfici fotovoltaicizzate nel paese, implica un’immediata applicazione legislativa del principio di prevenzione e precauzione previsto dall’Unione Europea. Il “Trattato di Maastricht” ha introdotto il principio di precauzione (poi ripreso dalla “Costituzione Europea” art. III-233) attualmente enunciato all’art. 191 del “Trattato sul funzionamento dell’Unione europea”, dove si sostiene che la politica dell’Unione in materia ambientale mira a un elevato livello di tutela ed «è fondata sui principi della precauzione e dell’azione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all’ambiente e sul principio “chi inquina paga”».”

Viviamo pertanto tutti noi cittadini italiani in un’ inaccettabile nebulosità in merito agli impatti di queste tecnologie alle quali taluni, incoscienti, vorrebbero consentire di fagocitare il nostro stesso spazio vitale, che è quello della ruralità e naturalità, per puri fini speculativi, per l’accaparramento degli incentivi statali, pagati da noi tutti cittadini con le nostre bollette elettriche non a caso iper-maggiorate negli ultimi mesi, insostenibili e che stanno costringendo anche le piccole imprese a chiudere, e le grandi a delocalizzare con gravissime conseguenze per tutto il sistema paese Italia! E il tutto giustificato con mendaci paraventi falso-ecologisti legati alla necessità di salvare il pianeta! Si certo, ma quale pianeta? Non certo la terra di cui l’Italia fa parte e che per la frode della Green Economy Industriale di eolico fotovoltaico e biomasse si vorrebbe invece cancellare e trasformare in una landa desolata e devastata, desertificata artificialmente, di fumi nocivi, ciminiere, specchi fotovoltaici, elettrodotti e mega pale eoliche ovunque ed in ogni direzione, persino in mare, al posto invece di quel tipico e variegato paesaggio storico-naturale che rende l’ Italia per antonomasia il Bel Paese del Mondo, dove si producono prodotti agro-silvo-pastorali ed ittici d’eccellenza! Un Italia dove nella ruralità e nella naturalità gli unici intrusi, le uniche anomalie sarebbero solo gli italiani stessi superstiti e non immigrati per sopravvivere, e per non impazzire in tanta innaturale devastazione alienizzante hi-tech, in altre terre ancora rimaste vivibili!

Non lo possiamo permettere! L’Italia va anzi bonificata ora da tutte queste mostruosità e restaurata e rinaturalizzata, al fine di ripristinare quel pittoresco ovunque del paesaggio, sintesi di natura, storia e tradizione, pittoresco che è la misura emozionale della qualità del nostro territorio!
Pittoresco che è fatto strategico, turistico, culturale e di mera qualità di vita, di ogni Italia che voglia continuare a chiamarsi tale!

 
 
Comitato Nazionale contro il fotovoltaico e l’eolico nelle aree verdi, e più in generale naturali


Sito web: http://comitatonazionalecontrofotovoltaicoeolico.wordpress.com/
 
Forum di discussioine anche sul Gruppo facebook del comitato che cointa oltre 5510  iscitti http://www.facebook.com/groups/192311587488270/

COMITATO NAZIONALE CONTRO FOTOVOLTAICO
ED EOLICO NELLE AREE VERDI
(e più in generale naturali)
Un vasto comitato di coordinamento nazionale che annovera svariate realtà associative nazionali, comitati locali, e cittadini italiani ed europei, impegnato ed unito dall’ impegno per la tutela dell’ ambiente e del paesaggio d’Italia, contro ogni fattore di inquinamento chimico-fisico, come anche di degrado paesaggistico, in nome di una vera Ecologia con la “E” maiuscola e non strumentalizzata alla mercé di qualcuno come è purtroppo sin ora, esecrabilmente, avvenuto!
Un comitato apartitico o politicamente pan-partitico assolutamente trasversale e aperto alla collaborazione più estesa di tutti al perseguimento dei suoi obiettivi etico-ambientalisti fondanti.

4 Commenti a Ed ora si invoca lo smantellamento dei pannelli fotovoltaici sulle aree agricole naturali del Salento

  1. E’ VERO QUALSIASI INTERVENTO SULLA NATURA PER PRODURRE ENERGIA HA DEI RIFLESSI SULL’AHABITAT NATURALE.QUELLO PER PRODURRE ENERGIE RINNOVABILI E’ TUTTAVIA IL MENO PERICOLOSO PER L’EQUILIBRIO DEL SISTEMA.LA COSA MIGLIORE SAREBBE RISPARMIARE L’ENERGIA.

  2. …soprattutto quella spesa per fottere soldi pubblici dietro il paravento delle pur sacrosante istanze ecologiste.

  3. Bisogna reagire immediatamente a questo modo di procedere delle imprese del fotovoltaico selvaggio installato nei campi agricoli: una legge immediata che vieti l’uso di ogni tipo di sostanza nociva negli impianti, per qualsiasi motivo, per garantire la mancanza di erbacce si possono usare personale dotato di tagliaerba ( forse così ci sarà un minimo di incremento del personale ). Vendola si dia da fare… sta dando una pessima impressione… sembra che sia in atto una sorta di ecologismo distruttivo, utile per un verso e dannoso per dieci altri!

  4. La Puglia e soprattutto il Salento è il territorio maggiormente devastato da questi “parchi fotovoltaici”! Ma come si fa a chiamarli PARCHI?

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!