Torre Guaceto è seriamente in pericolo!

Una bellissima vista aerea de parco marino di Torre Guaceto. Carovigno (Br) (da www.ilmeteo.it)

a cura di Luigi D’Elia 

Siamo un gruppo di cittadini preoccupati dal progetto di gettare le acque reflue depurate nell’area marina protetta di Torre Guaceto, che rappresenta per la nostra provincia, già così disastrata da tante emergenze ambientali, l’unico elemento di natura incontaminata, che attrae ogni anno decine di migliaia di turisti.

 

L’area Marina Protetta di Torre Guaceto è seriamente minacciata dall’attivazione dell’Impianto di Depurazione Consortile del Comune di Carovigno, che scaricherà le acque reflue depurate all’interno del Canale Reale, un canale già seriamente compromesso e che sfocia nella Zona A (quella più importante dal punto di vista ambientale) dell’Area Marina Protetta.

Il bacino idrografico del Canale Reale è soggetto a forti pressioni antropiche dovute allo sfruttamento agricolo dei suoli che esso attraversa e dall’immissione nelle sue acque degli scarichi prodotti da aziende diconfezionamento alimentare, in particolare oleifici. Non è escluso che il Canale possa raccogliere scarichi occasionali effettuati da soggetti diversi e comunque non autorizzati.

La foce del canale Reale dista 900 metri dall’habitat prioritario Praterie di Posidonia presente nel SIC Torre Guaceto Macchia san Giovanni. L’Acquedotto Pubblico Pugliese intende realizzare lo scarico dei reflui depurati, provenienti dall’ Impianto di depurazione consortile di Carovigno, nel Canale Reale; l’AQP hachiesto autorizzazione in data 18 febbraio 2011 alla Provincia di Brindisi.

Tale progetto mette però fortemente a rischio l’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, che rappresenta un tesoro di biodiversità per il mare pugliese e mediterraneo: in caso di prolungato malfunzionamento dell’impianto non sono state individuate soluzioni per la mitigazione di un eventuale impatto derivante da tale malfunzionamento.

La minaccia per la biodiversità dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto (inserita nella Lista delle Aree Specialmente Protette del Mediterraneo per la Convenzione Biodiversità di Barcellona) rimane molto alta, in caso di messa in funzione del depuratore, poiché lo scarico in mare di 10.000 m3 al giorno, di acqua dolce depurata ricca quindi di materiale organico sospeso, avrà notevoli conseguenze ecologiche, provocando una variazione locale della salinità e uno spostamento verso un sistema eutrofico, anche a causa della bassa profondità e scarsa motilità delle acque della laguna. Il peggioramento dello stato di salute del posidonieto accelererà per aumento della sedimentazione. L’A.Q.P. chiede 120 giorni, dall’attivazione dello scarico, per la messa a regime dei processi depurativi; ciò comporterà nei primi mesi lo scarico in zona A di acque non sufficientemente depurate. In caso di malfunzionamento del depuratore anche per breve/medio termine, non è stato previsto alcun sistema di salvaguardia cosa che porterà reflui non depurati in una zona A di un’area marina protetta e a cento metri da un habitat prioritario.

Oltre al danno ecologico irreversibile vi sarà un danno economico: la popolazione di specie ittiche di valore commerciale che in zona A rappresentano un “serbatoio” per tutta la costa brindisina saranno danneggiate con riduzione delle rendite di pesca, in primis per ipescatori autorizzati a svolgere tale attivitànella zona C, in misura minore per tutti gli operatori della piccola pesca costiera delle aree limitrofe.

Il danno economico maggiore ricadrà sugli operatori del settore turistico; direttamente sui fornitori di servizi presenti nella riserva, compreso questo ente; indirettamente sugli operatori turistici dell’intero territorio provinciale. La Regione Puglia e la Provincia di Brindisi, nonostante i pareri negativi del Consorzio di Torre Guaceto, del Ministero dell’Ambiente, dell’Arpa Puglia, della Capitaneria di Porto e incurante della minaccia di denuncia da parte del WWF Puglia, poichè lo scarico sarebbe in violazione della legge istitutiva di Torre Guaceto, sonointenzionati a portare avanti questo scempio.

Tocca a noi cittadini fermarli, raccogliamo 10.000 firme e inviamo il tutto alla Provincia di Brindisi, per dire NO alla distruzione di Torre Guaceto

Ti chiediamo di sostenere la nostra causa. Il nostro obiettivo è di raccogliere 10.000 firme (un traguardo importante ma considerando che la pagina di facebook della riserva di torre guaceto ha 9.000 fan, pensiamo che sia fattibile) attraverso una petizione on-line per chiedere di fermare questo scempio.La petizione è all’indirizzo http://www.firmiamo.it/salviamo-torre-guaceto-dal-depuratore. abbiamo anche aperto una pagina facebook all’indirizzo http://www.facebook.com/pages/Salviamo-Torre-Guaceto-dal-Depuratore/349052341790774 che ha bisogno di essere conosciuta e diffusa.

Fai tua questa causa, firma e diffondi questa iniziativa. Aiuta i cittadini a difendere un patrimonio ambientale di tutti.Grazie del tuo aiuto.

3 Commenti a Torre Guaceto è seriamente in pericolo!

  1. anni fa scrissi una e.mail all’ attuale presidente vendola perchè torreguaceto era così abbandonata, mi rispose che era responsabilità del demanio, questa estate era una vera discarica sacchetti da ogni parte
    nella riserva buttati sacchetti di plastica da per tutto lasciati sulla spiaggia
    senza contare i mozziconi di sigarette un dolore vedere questo mare così maltrattato dalla inciviltà. e ignoranza

  2. Sono un turista arrivato ieri con la famiglia, attratto dalle recensioni pubblicate e riconducenti ad un ambiente immacolato…
    Siamo sconcertati dalla noncuranza, dalla sporcizia, dal menefreghismo e dal sentirci dei “limoni da spremere”. Sulle spiaggia un incontrollato moltiplicarsi di costruzioni semi provvisorie. Un vero peccato. Riflettete gente, riflettete. Ho fatto 1500 km per arrivare in Puglia, ma vi assicuro che ci sono posti molto migliori.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!