Un calendario, non solo per la nonna…

di Armando Polito

Ogni anno, succede ormai da più di dieci, dedico a mia suocera, 88 primavere, un calendario personalizzato. Negli anni precedenti il soggetto è stato sempre profano, anche se le allusioni alla sfera religiosa non mancavano e debbo dire che le punzecchiature ironiche erano comprese dalla nonnina in qualche caso anni luce prima dei suoi figli (compresa mia moglie; sui nipoti, comprese le mie figlie, stendo un pietoso velo, anche se prevedo qualche attentato ai miei danni… ).

Quest’anno ho deciso di uscire allo scoperto e mi è stato più difficile, perché ho scelto un tema a lei caro e, nel rispetto delle opinioni di ognuno che presumo di avere, ho avuto, appunto,  la presunzione di  interpretare il suo pensiero, anche se non coincide con il mio; le conclusioni, però, anche per chi, come il sottoscritto, ritiene che tutte le religioni si basino sul ricatto della paura della morte e che su questo ricatto abbiano costruito le loro fortune anche economiche, credo siano perfettamente in linea con quelli che , forse con eccessiva pompa e sicuramente con scarso rispetto, sono definiti diritto naturale e diritto delle genti. Per questo, solo per questo, ho pensato di rendere pubblico il calendario di quest’anno (solo la copertina ed il testo delle altre pagine) ed esprimere a modo mio, prendere o lasciare, l’augurio agli amici spigolatori di un anno non convenzionale, che dico!, di un’epoca diversa: sarà ottimismo malfondato ma, visto il punto al quale siamo arrivati, non dovrebbe essere difficile….

 

GENNAIO

Quistu è llu mese cchiù friddu ti l’annu

e ogne creatura an terra rriscela,

cc’e ccinca no ttene mancu nnu pannu

e ccu ssi fazza luce nna candela.

La forza talle tu, Matonna mia,

cu pozza scire nnanti e cu nno mmore;

Tu lu puè ffare, piccé tu si’ Maria

e ti mamma no ggh’è acqua lu core.

FEBBRAIO

Ti stu mundu capiscu picchi e nnienti,

tantu ca ticu sempre: mamma mia,

cce zziuni, cce ccristiani e cce ttiempi!

Ti campare sempre menu fantasia.

Tu, core ti Maria ‘ddoloratu,

pi ll’amore ca vuei allu Figghiu tua

quarda stu mundu co ggh’è scunsulatu

e falle truare lu cunfortu sua.

MARZO

Nnu fiuru sta sponta ripa all’era,

no ttene lu culore ti na fiata;

eppuru ggh’è rriata primaera

e l’aria sta ssentu ca è scarfata.

O core ti Maria ‘Mmaculata,

pensace tu cu ccresce bbellu bbellu;

e sobbra ogne ccriatura ‘mpassulata

lu tua stindi beneficu mantellu.

APRILE

A stu mese è ddoce lu turmire

ma pisci cusì non ndi pigghiamu;

nc’è ci no ddorme e ppensa a futtire:

è qquistu lu statu ca ndi truamu.

Sulu tu , Matonna mia, puè pinsare

cu ddiesciti li onesti ma ‘mpannati;

giacché ti truei, invece, ha ‘mpannare

li puerci e disonesti dichiarati.

MAGGIU

Ggh’è quistu lu mese ti li rose

e alli tiempi mia li giovanotti

ndi facianu omaggiu alli carose

cu ppicchi caramelle o gianduiotti.

A tte, Matonna mia, offru sta rosa;

puru ci no ggh’è ffresca fa’ tti bbasta:

pi tte no gh’è ddifficile la cosa,

pi tte ca si ppotente, beddha e ccasta.

GIUGNO

Lu cranu già è ccrisciutu e ppi ll’aria

la luce ete diversa, ete cchiù nnetta;

ssittatu allu sole nc’è ci sbaria,

ci culumbu lli cate an bocca spetta.

Pruiti tu, Maria, core preziosu,

allu premiu pi ccinca ha ffatiatu;

e ‘nvoglia alla fatia lu schizzinosu

ca sempre lu sutore  l’ha ppuzzatu.

LUGLIO

Lu state ggh’è zzaccatu e ttutti quanti

moscianu a ggara cellulite e crassu;

a cci cchiù si spongghia, no nc’è santi,

e ti li discoteche nnu fracassu!

L’uecchi, Maria mia, no ha cchiutire

e mmancu li recchie t’ha bbuddhare,

sulu tu, beddha mia, puè ‘ntervenire

e tuttu stu casinu sistimare.

AGOSTO

Lu cautu a cchiù ti unu tae an capu

e la paccìa ormai è nnormalità,

comu se no bbastaa lu crattacapu

ti la crisi e la ddisonestà.

Fande passare ogni ffumisia;

giacchè ti truei, puru ogne probblema,

tatte ta fare tu, Matonna mia,

cu questa umanità totta scema.

SETTEMBRE

Lu cautu s’è llintatu e li sciurnate

ti fannu inire la malincunia

piccé cchiù corte mo so’ ddivintate

e ndi curcamu prestu e cusì ssia.

Tu, core ti Maria, tande luce,

llunghisci li confini ti lu bene,

rinnova tuttu quiddhu ca si strusce,

e allu mundu risparmia tante pene.

OTTOBRE

L’autunnu ggh’è trasutu e li fugghiazze

sta ccatinu ‘ngiallute e ‘nfrizzulate

an terra sobbra a queddhe matarazze

ca iti pi lla strata bbandunàte.

Tu, Matonnina mia, fa’ pulizia

ti li mundezze ca a totte l’ore

mmuntunamu no ssulu pi lla ia

ma purtroppu puru intr’allu core.

NOVEMBRE

Lu mese ti li muerti è llu cchiù vveru,

ma nci so’ puru muerti sfurtunati;

veru ca tuttu spiccia a ccimiteru,

ma no tutti li muerti so’ ppricati.

Matonna, tande a ttutti sipurtura,

non di fare mancare stu dirittu;

no ttene distinzioni ti cultura

e vale puru pi llu derelittu.

DICEMBRE

L’annu è quasi passatu e ti ringraziu,

Core santu, ‘ddoloratu  e ppuru,

e, ssenza cu ccunsumu tantu spaziu

(ci no mi ticinu ca no  ccarburu…),

grazie mille pi totte li fritture

ca ma ffattu ‘mbaccare a ogni ora;

pi lli dorci, lu mieru e li verdure,

pi queddhu ca vuei mmi lassi ancora.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!