Salento: un mare di biodiversità

 
 

Incontro seminario

 
Salento: un mare di biodiversità
 
Il più bel tesoro del Salento, il suo mare, così vicino, ma così sconosciuto.
A Soleto un incontro pubblico per ammirare le meraviglie dei nostri mari e conoscere i gravi pericoli di origine antropica che seriamente lo minacciano.
 
_______________________________________________________________________________________________________

Quando: 25/11/2011   (Venerdì)

Ore: 18,00 

 

Dove: Soleto – Centro Anziani – Largo Osanna           (vedi mappa)

 

Organizzato da: Ass.ne Nuova Messapia e Ass.ne Arthas OdV

_______________________________________________________________________________________________________

 

Secondo appuntamento pubblico promosso dall’associazione Nuova Messapia per un percorso di conoscenza collettiva e, soprattutto, condivisa sui tesori e preziosità del nostro bel Salento troppo spesso sconosciuti ai più. In questo secondo appuntamento si parlerà del sistema ecologico e sociale più importante che ha il Salento: il mare, volgendo lo sguardo dall’orizzonte terrestre, verso le limpide e sorprendenti profondità sottomarine del Salento.

Salento: un mare di biodiversità” è un pubblico incontro organizzato grazie alla preziosa collaborazione dell’associazione Arthas di Lecce, associazione di volontariato attiva dal 2010 nello studio, promozione, valorizzazione e tutela del importante e meraviglioso ambiente marino del Salento, divenendo testimone attiva sul territorio dell’incredibile ricchezza e vita che è presente sulle nostre coste e nelle profondità dei nostri mari. Sandro Notarangelo, presidente dell’associazione Arthas, ci guiderà durante l’incontro facendoci letteralmente immergere nelle profondità marine del Salento per portarci alla scoperta di tutti quei tesori nascosti rappresentati dai nostri fondali rocciosi e sabbiosi habitat incantevole e irrinunciabile per una vastissima biodiversità vegetale e animale, che in un variopinto e pittoresco carosello d’incessante vitalità formano mirabilmente quel delicatissimo e profondamente fragile equilibrio ecologico che regge e governa il mondo submarino, seppur invisibile, certamente non lontano da noi, anzi, come ogni elemento e particella di natura, vicinissimo e intimamente legato all’esistenza stessa dell’uomo.
Ma accanto a tanta meraviglia e vitalità vi è, ahinoi, un mostro divoratore che ne sta negli anni mettendo seriamente a repentaglio la sopravvivenza di cotanto paradiso e si chiama degrado e sfruttamento che, proprio attraverso i nostri invirtuosi comportamenti umani e antropizzanti nei riguardi di queste delicatissime realtà, ci riducono a divenire causa attiva e alimento improbo dei peggiori processi degenerativi che, soprattutto oggi più che mai, stanno interferendo pericolosamente, su equilibri ecologici e biologici formatisi e affinatisi nel corso di milioni di anni; proprio i nostri comportamenti irrispettosi, piccoli o grandi che siano, dal abbandono incontrollato di rifiuti e materiale plastico, alla cementificazione selvaggia, sino all’inquinamento chimico-biologico, possono pregiudicare, giorno dopo giorno, irreversibilmente la salubrità di questo essenziale habitat di vita, e, addirittura, mettere in serio pericolo gli importantissimi eco-sistemi marini e costieri giungendo a compromettere irrimediabilmente la sopravvivenza stessa della specie umana. Difatti proprio di questi giorni è l’accorato allarme lanciato da tantissimi cittadini e associazioni circa le decine di pericolosissimi progetti estrattivi petroliferi che si vogliono attivare disseminati per tutte le coste salentine, pugliesi e per tutto l’Adriatico con futuribili conseguenze inimmaginabili e sicuramente deleterie per tutti gli esseri viventi. Pertanto, il voler conoscere e prendere atto di questo Patrimonio-Bene Comune immenso e inegugliabile, imparare a leggere gli inequivocabili segni di allarme che la natura quotidianamente lancia attraverso il manifestarsi di squilibri innaturali, prevenendo e migliorando i nostri comportamenti sconvenienti e dannosi a favore di comportamenti più virtuosi e utili è il primo piccolo, ma importantissimo e necessario, passo da cui iniziare a riconoscere, rispettare, preservare e tutelare il nostro Bene più caro, il nostro bel mare, questo per riconoscere, rispettare e tutelare noi stessi, il nostro futuro e il futuro di chi verrà dopo di noi.

Durante l’incontro si visioneranno tre bellissimi filmati di documentazione sottomarina realizzati dall’associazione Arthas, vincitori tra l’altro di premi internazionali. Grazie al video verrà mostrato un mondo sottomarino meraviglioso e sconosciuto.

I cortometraggi che verranno proiettati sono:

I colori della notte
(vincitore del IX Concorso Internazionale “Un film per un Museo” – Trofeo Victor Aldo De Santis” promosso ed organizzato da Hystorical Diving Society Italia)

Un mare di Plastica

Nugae, un mare di biodiversità

Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale dell’associazione Arthas OdV:

www.arthasodv.it

 

Ringraziando per il tempo dedicatoci, si porgono distinti saluti.

 

Per l’associazione Nuova Messapia – settore comunicazione

Alfredo Melissano
 
 
———————————————————————
 
Contatti
 
Associazione Nuova Messapia
 
v. Regina Elena, 12 – 73010 – SOLETO (Le)
 
cell. 340.68.67.745
 
 
 
 

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!