Archeologia ed ambiente rurale: il caso Valesio in Terra d’Otranto

di Chiara De Luca

IL GRUPPO ARCHEOLOGICO DI TERRA D’OTRANTO A PAESTUM PER PROMUOVERE IL SALENTO

Il sito archeologico di Valesio, nel territorio di Torchiarolo, inteso come paradigma di sinergia tra Cultura e attività produttive. Sarà questo l’oggetto della presentazione dell’area archeologica e della sua valorizzazione all’interno del workshop che si terrà a Paestum, il 18 novembre p.v. alle ore 15.00, in occasione della 14° Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. La Borsa è l’unico salone al mondo destinato al turismo di matrice prettamente archeologica che si propone di costruire una relazione tra le diverse culture dei singoli Stati al fine di incrementare lo scambio culturale e la destagionalizzazione turistica. Alla manifestazione, realizzata sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica Italiana, partecipano tutte le realtà più importanti relative al patrimonio archeologico mondiale.

Il sito di Valesio e la sinergia che esso può avere con il territorio del Comune di Torchiarolo e dell’intero Salento sarà oggetto della relazione presentata da Elvino Politi, direttore del Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto, che avrà come titolo:” Archeologia ed ambiente rurale: binomio di salvaguardia e sviluppo territoriale. Il caso Valesio in Terra d’Otranto”.

Il sito, tra i più significativi dell’area nord salentina, caratterizzato dall’importante area termale di età romana, si presenta quindi al mondo come esempio di forza attrattiva di un territorio che può puntare sulla valorizzazione dei beni culturali come volano per lo sviluppo economico e sociale.

Il Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto, presente alla fiera con lo stand associativo, promuoverà inoltre il territorio salentino attraverso l’incontro con buyers italiani ed esteri e supportando le sinergie tra i vari territori mediterranei che vantano importanti testimonianze archeologiche. Saranno e presentate realtà di impegno sociale nell’ambito dei Beni Culturali particolarmente attive nel Salento, quali quelle del Museo Archeologico “Faggiano” di Lecce e del Comitato Civico Terre di Mesagne.

L’illustrazione di itinerari paesaggistici e culturali nell’area otrantina, leccese e del Capo di Leuca completeranno per la durata dell’evento il panorama dell’offerta archeologica, al fine di progredire sempre più verso una destagionalizzazione del turismo culturale.

COMUNICAZIONE  A CURA DEL COMUNE DI TORCHIAROLO
Assessorato alla Cultura

________________________

Gruppo Archeologico di Terra d’Otranto
Museo Archeologico “Faggiano”
Via Ascanio Grandi 56 – LECCE
Tel +393807784553

www.terradotranto.org

Un commento a Archeologia ed ambiente rurale: il caso Valesio in Terra d’Otranto

  1. TO MELLON MAS EINAI H PROBOLH TOY PARELUONTOS DIA MESOY TOY PARONTOS

    ΤΟ ΜΕΛΛΟΝ ΜΑΣ ΕΙΝΑΙ Η ΠΡΟΒΟΛΉ ΤΟΥ ΠΑΡΕΛΘΟΝΤΟΣ ΔΙΑ ΜΕΣΟΥ ΤΟΥ ΠΑΡΟΝΤΟΣ

    IL FUTURO È NOSTRO PUNTO DI VISTA DEL PASSATO ATTRAVERSO QUESTO

    PETROS SOLOMOU
    CIPRO

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!