Salento, un incantesimo che non c’è più

di Elio Ria
 

VIRGO

C’è il mare e il sole e il vento. C’è la taranta e la pizzica. C’è la gente di un luogo che prima apparteneva agli dei, ora è nelle mani degli incoscienti. Il Salento –  questa terra di semplicità che chiedeva soltanto di essere amata –   è stata invece stuprata, violentata e sconfitta. Le identità di un tempo sono state frantumate: il Salento non sa riconoscersi in nulla, preso com’è dalla bramosia di spettacolarizzare tradizioni che non appartengono a tutti e a organizzare festival di tarante e concorsi di ogni tipo. La gente seppure in movimento e in fermento è in uno stato di narcosi. Eppure si fa a gara a propagandare il Salento come luogo di elezione per le caratteristiche del territorio, tralasciando di evidenziare gli scempi ambientali prodotti in tanti anni di scelleratezza collettiva, chiudendo magari gli occhi e far finta di nulla per le tonnellate di immondizie sparse dappertutto sulle strade e sulle spiagge.

Non va bene!

È giunto il momento di riflettere e cambiare rotta con attenzione, senza eccessi ma con convinzione e intenti condivisi da tutti, evitando di omologare ogni cosa. Il Salento è un luogo, anzi  una terra che presenta infinite diversità e differenziazioni sia culturali che sociali che vanno valorizzate senza sconvolgere e adattare usi e costumi già esistenti a pericolose modernizzazioni e innovazioni contraddistinte da interessi meramente commerciali e pseudo-culturali.

Un ritorno all’origine per continuare a vivere nel luogo che ci fu consegnato da Dio, con l’unica raccomandazione di preservarlo dal male. È insostenibile l’idea di molti che vogliono fare del Salento il luogo ideale per il divertimento folle e sfrenato, per un turismo di massa che invade e lascia tracce discutibili di una cattiva permanenza.  È sostenibile invece l’idea di un turismo che mira a fare conoscere le bellezze del territorio intrise di semplici semplicità senza condimenti artefatti e insipidi.

Si eviti il disfacimento delle tradizioni, si difenda la memoria contadina, si alimenti la spinta propulsiva delle tradizioni, si diversifichino le iniziative culturali.

L’incantesimo di una volta non c’è più e il Salento attende di essere amato veramente.

 

http://www.elioria.com/la-lente-di-elio/salento-un-incantesimo-che-non-ce-piu/

2 Commenti a Salento, un incantesimo che non c’è più

  1. Gentile Signor Elio Ria,
    bello e toccante il suo intervento.
    Una denuncia forte e drammatica, ma anche poetica e trasudante sentimenti di amore verso la sua terra, quel Salento magico che non esiste più, o che sta scomparendo.
    Salento magico, sì.
    Gli incantesimi esistono nelle fiabe e nei racconti di magia.
    Il mondo in cui viviamo è tutt’altra cosa, è terribile e terrificante, altro che le atmosfere “noir” dei romanzi dell’orrore!
    Anche il Salento, sopravvissuto in una dimensione incantata e magica per decenni grazie alla sua perifericità, è stato ormai raggiunto ed aggredito dalla violenza della “contemporaneità” ed è stato trasformato ed imbruttito, stravolto e violentato.
    Il passato, quello non tornerà mai più.
    Il presente con la sua vacuità e la sua bruttezza sta già distruggendo quel Salento magico (ed il suo incantesimo) a cui lei si riferisce con attaccamento e nostalgia.
    Parlando del Salento dimentichiamo però di riferirci ad una dimensione personale, che pure ha la sua importanza: la nostra vita.
    Mi chiedo: in futuro, a cosa ci toccherà assistere e -volenti o nolenti – a cosa ci toccherà partecipare?
    In quale Salento vivremo?
    La ringrazio per il suo contributo di riflessione, ricco di dimensioni intime e meditative, e la saluto.
    Beniamino Piemontese

    • Gentile Signor Beniamino,
      intanto grazie per l’attenzione. Io non so ipotizzare un futuro per il Salento, sento però il dovere di comunicare le mie impressioni affinché si continui a preservare la cultura che ci appartiene davvero.
      Grazie ancora.
      Elio Ria

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!