Niente di nuovo sotto il sole, ma il sole da qualche decennio non vede altro che il peggio del vecchio.

di Armando Polito

I proverbi qui raccolti in tre succinti gruppi rappresentano un’impietosa diagnosi dello stato morale comatoso dell’attuale società, con la differenza, non di poco conto, che i disvalori da loro fustigati costituivano in passato una rara eccezione. Nutro, tuttavia, una speranza e in questo credo di essere in buona compagnia: quando la corda è sottoposta ad un’eccessiva tensione inesorabilmente si spezza e finisce rovinosamente a terra chi imperterrito continuava a tirarla.

Non tutto il male vien per nuocere: il lettore trarrà giovamento dai conati di vomito (chiedo scusa per l’immagine) che mi impediscono questa volta di stilare la consueta trascrizione in lingua, qualche nota etimologica e qualsiasi ulteriore commento, fatta eccezione per l’ultimo proverbio del secondo gruppo da me adattato per la circostanza.

a) La meritocrazia, la raccomandazione e la fuga dei cervelli.

Lu pruèrbiu è generale,/lu canòsce ogni nazione:/ola l’omu senza ale,/basta ca hae nna proteziòne.

Ungi l’assu ca la rota camìna. 

A cci fatìa nna sarda, a cci no ffatìa una e mmenza.

Ci càngia paese càngia sorte.

b) La litigiosità, l’ingordigia, la connivenza, l’opportunismo, la corruzione  e il trasformismo della politica.

Li ciucci si àttinu  e li bbarìli si scàscianu.

Ci cumànda no stracca mai.

Ci cumànda no ssuta.

La entre ggh’è co’ piddhècchia: quantu cchiù mminti cchìù si stindècchia.

Li sordi ndi càccianu l’uècchi allu tiàulu.

Lu tiàulu iuta li sùa.

Mangiàndu mangiàndu ti ene l’appetìtu.

Nna manu llava l’addha e tott’e ddoi  si llàvanu la facce.

Rrobba t’addhi, curèscia larga.

Ti la capu nfitèsce lu pesce.

Nnu pete intr’a ddo’ scarpe no ppò stare (quando è un piede normale, non un piede “responsabile”).

c) La manovra finanziaria

Li sordi pòrtanu li sordi e li pitùcchi pòrtanu pitùcchi.

Gesù Cristu, pruìti li pruitùti ca li spruitùti sontu bbituàti.

Lu cane ci mòzzica? Lu strazzàtu.

Lu pesce cchiù grande si màngia lu pesce piccìccu.

Pùlici cu ppùlici fàcinu lìndini.

Quàndu lu pòveru tae allu riccu lu tiàulu si ndi rite.

Totte li mosche vonu alla mula scurciàta.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!