Puglia, porta d'Oriente (prima parte)

Ambiente, paesaggi e natura di Puglia

 

di Francesco Lacarbonara

Introduzione

Fosso di Cigliano – Crispiano (TA)

“Siticulosa Apulia”, Puglia sitibonda: così doveva apparire la nostra regione al poeta Orazio (Venosa 65 a.c. – Roma 8 a.c.) allorquando, scendendo dai monti lucani, si apprestava ad attraversare le terre, già allora assetate, del Tavoliere o della Murgia.
E al viaggiatore moderno il paesaggio pugliese non dovrebbe mostrarsi molto diverso da allora, con i suoi quasi ventimila chilometri quadrati di territorio per lo più pianeggiante, povero di acque e di copertura boschiva, a tratti arido e desolato, immerso in un’abbacinante luce mediterranea.
L’immagine dominante della regione può suggerire al visitatore distratto l’idea di una terra povera di emergenze floro-faunistiche, ma allo sguardo attento di un appassionato naturalista non sfuggirà la ricchezza e la varietà degli ambienti pugliesi, di notevole interesse, in virtù di quei frammenti di natura che, nonostante la pressante e millenaria azione dell’uomo, sono giunti intatti fino a noi.
Spesso caratteristici, se non unici, essi portano impresso il segno di un remoto ma indissolubile legame con il mondo mediterraneo orientale, così come la storia antica di quest’angolo del Mezzogiorno denuncia l’influsso inconfondibile della civiltà magnogreca.

 Inquadramento geografico

Riserva Statale Palude di Frattarolo - Manfredonia (FG)

Poche regioni come la nostra sono così facilmente individuabili dal punto di vista geografico. Scrive Carmelo Colamonico: “Orientata in forma lunga e stretta da nord-ovest a sud-est, essa appare circoscritta per enorme tratto dal mare e, lungo gran parte del confine terrestre, chiaramente distinta dalla Basilicata mercè l’avvallamento del Bradano e del suo affluente Basentiello, e dal Molise ad opera del corso del Fortore”. Praticamente assente è l’ambiente montano, se si fa eccezione dei rilievi del Sub Appenino Dauno che segna il confine naturale con il Molise e la Campania; tra di essi spicca il Monte Cornacchia che, con i suoi 1151 m s.l.m., rappresenta la vetta più alta della regione; la Fossa Bradanica, attraversata dal fiume Bradano, segna invece il confine con la Basilicata.La monotonia del territorio pugliese, per lo più pianeggiante, è rotta dal promontorio delGargano (M. Calvo 1056 m), dall’altopiano delle Murge (M. Caccia 679 m) e dalle Serre Salentine (199 m).

La natura carsica del territorio impedisce lo sviluppo di una rete idrica superficiale di una certa importanza in quanto la maggior parte delle precipitazioni meteoriche si perdono nel sottosuolo.
Tra i corsi d’acqua ricordiamo il Cervaro, il Carapelle e il Candelaro, a carattere torrentizio, che insieme al Fortore e l’Ofanto (il più importante fiume della regione con i suoi 134 km) attraversano il Tavoliere, la seconda pianura italiana per estensione (4000 kmq).

Protesa tra l’Adriatico e lo Ionio, spartiacque naturale tra i due mari, la Puglia può vantare, tra le regioni peninsulari italiane, il maggior sviluppo costiero: 784 km.
Le costa mostra un aspetto diversificato a seconda che si tratti di quell’adriatica o di quella ionica: dalle falesie alte e rocciose del Gargano, alle spiagge basse e sabbiose del litorale ionico-salentino; a variare sono anche le condizioni microclimatiche in base all’orientamento e alla diversa esposizione ai venti dominanti.
Tra le isole citiamo solo le più importanti: l’arcipelago delle Tremiti, a nord-ovest del Gargano, quello delle Cheradi al largo di Taranto e l’isola di S. Andrea a Gallipoli.

Zone umide di notevole valore naturalistico si estendono un po’ ovunque nelle immediate vicinanze della coste pugliesi: dalle saline alle foci dei fiumi, dai laghi salmastri alle paludi e stagni retrodunali. Vedremo meglio nella seconda parte quale importantissimo ruolo esse svolgono nel mantenimento dell’equilibrio naturale e quale ricchezza di biodiversità ospitano.  Affronteremo  inoltre gli aspetti biologici e paesaggistici della Puglia con un cenno anche alla sua storia geologica: metteremo così in evidenza gli stretti legami che ci uniscono con i paesi vicini dell’altra sponda dell’Adriatico e del Mediterraneo Orientale.

Riserva Naturale Regionale Orientata "Palude La Vela" - Taranto

(Fine prima parte)

Testo e foto di:

Francesco Lacarbonara – MMXI – tutti i diritti riservati –


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!