Culacchi te papa Cajàzzu.2

Lu messone

di Alfredo Romano

‘Na fiata papa Cajàzzu, siccomu nde cumbinava tante te le soe, foe casticatu te lu Vescuvu cu bàscia ffazza lu prete a nn addhu paese. Acquai ca li cristiani, vitendu lu prete nou, ci cchiùi scia nne ddumanda quantu se facìa pacare cu ddica messa. Quandu se sparse la voce a llu paese ca se pijàva sulamente centu lire, mbece te le mille ca se pijàvanu l’addhi preti, mo’ ìi bitìre comu tutti fucìanu a ddha papa Cajàzzu cu ordinànu messe. Papa Cajàzzu te la matina ‘lla sera nu’ ffacìa addhu ca cu ssegna messe susu la liźètta, puru vinti-trenta lu stessu giurnu, e ppe’ ogni ordine se facìa tare le centu lire ‘nticipate.
Mo’ a ll’addhi preti ne uschiava lu culu, ca nišciùnu scia cchiùi a ddha iddhi cu ssègna messe. E sse ddumandàvanu cumu cazza[1] putìa fare papa Cajàzzu cu ddica tutte quiddhe messe.
Sicché li preti nu giurnu se rratunàra e šcira tutti te paru a ddha papa Cajàzzu. E nne ddumandàra: «Papa Cajàzzu, sapìmu ca vènanu tutti cqua ttie cu ssègnanu messe: ma se po’ ccapire cumu sangu faci poi cu ddici tutte quiste messe?»
«Na!,» tisse papa Cajàzzu «ca sta be proccupàti tantu? Ca ticu nu messone e bale pe’ ttutti.»

TRADUZIONE

Il messone

Una volta papa Galeazzo, siccome ne combinava tante delle sue, per castigo fu mandato dal Vescovo a fare il prete in un altro paese. Qui che tutti quelli del paese, visto il prete nuovo, chi più andava a domandargli quanto costava una messa. Quando al paese si sparse la voce che papa Galeazzo si faceva pagare solo cento lire, invece delle mille che chiedevano gli altri preti, mo’ dovevi vedere come tutti correvano a ordinare le messe a papa Galeazzo.
Papa Galeazzo dalla mattina alla sera non faceva che segnare messe sulla sua agenda, anche venti-trenta nello stesso giorno, e per ogni ordine si faceva dare le cento lire anticipate.
A questo punto agli altri preti gli bruciava il culo, ché nessuno si recava più da loro a ordinare messe e si chiedevano come avrebbe fatto papa Galeazzo a celebrare tutte quelle messe.
Fu così che un bel giorno i preti si recarono tutti insieme in delegazione da papa Galeazzo. E gli dissero: «Papa Galeazzo, sappiamo che vengono tutti da te a ordinare messe, ma ci vuoi spiegare come caspita farai poi a celebrare tutte queste messe?»
«To’!,» disse papa Galeazzo «e vi state a preoccupare così tanto? Che dirò un messone e varrà per tutti.»

[1] La cazza è la schiumarola, ma qui il termine serviva al narratore per attenuare la volgarità del termine usato nel genere maschile. Il suono era identico in qualche modo, ma cambiava il significato. Per lo stesso motivo, a volte si usava anche il termine cazzarola, che però significa casseruola.

Da Lu Nanni Orcu, papa Cajazzu e altri cunti salentini di Alfredo Romano. Nardò, Besa Editrice, 2008.

Gli altri “culacchi” possono leggersi in:

http://spigolaturesalentine.wordpress.com/2011/02/04/culacchi-te-papa-cajazzu/

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!