Libri/ Il Lamento dell’insonne

a cura di Paolo Vincenti

 

PRO LOCO RUFFANO

  

CHIACCHIERE LETTERARIE

Sarà presentato mercoledi 1 dicembre a Ruffano il nuovo libro di Elio Coriano  Il Lamento dell’insonne (Lupo Editore 2010). La serata di presentazione, organizzata dalla Pro Loco Ruffano, si terrà presso il Bar D’Annunzio, sito nell’omonima piazza ruffanese, alle ore 19.00 e rientra infatti nella rassegna  “Quattro amici al bar”, avviata con successo l’anno scorso proprio dalla Pro Loco di Ruffano. A parlare del libro, fra aperitivi, stuzzicherie, caffè, amici della Pro Loco, di Coriano e dei libri, avventori del bar fintamente distratti, realmente interessati, fintamente interessati e davvero distratti, o  più o meno incuriositi dall’evento, saranno lo scrittore Giuseppe Cristaldi e il presidente Pro Loco Paolo Vincenti. L’autore Elio Coriano declamerà, da par suo, alcuni versi del libro. Sarà presente l’editore, Cosimo Lupo.

Scrive Giuseppe Cristaldi nella Prefazione del libro: “Il lamento dell’insonne è il sepolcro manomesso da un rapsodo vaticinante. Un lungo sepolcro nietzschiano. Solo dove sono i sepolcri sono le resurrezioni, purché il sollevatore del pietroso peso posto a suggello, una volta fuori dalla tomba faccia il verso al futuro, informe, moribondo. Una profezia empirica, l’insegnamento del morire come soluzione al risorgere. Coriano crede nel futuro, nella sua sublime morte «a cui è inutile domandare il perché, che se potesse rispondere mentirebbe». Crede nella celebrazione delle sue esequie, laddove a raccogliere il cordoglio, in fila con la mano tesa, a prestar pianto, vi sono i suoi termini più reiterati, aspro, fiato, menzogna, fianco, fatica, verità. E lo fa nell’incidente della poesia spigolosa e mai naufraga dell’ordire mieloso. Egli titilla le figure retoriche, a loro non domanda l’orgasmo, le titilla perché si accontentino di un onanismo disfattista ed in esso muoiano, senza ritorno alcuno, perché ad egli importa stabilire la tensione sopraffina dettata dalla simbologia lessicale, la stessa che il poeta attende al varco delle labbra”…

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!