Libri/ Alberto Buttazzo Tipografo a Lecce

di Gianni Ferraris

Ogni volta che ci passavo davanti non potevo non guardare quella stupenda insegna “Tipografia del Commercio”, ho poi scoperto che prima si chiamava  tipografia “La Teatrale”, nel centro storico di Lecce. All’interno ci sono pezzi di storia leccese appesa ai muri. Campagne elettorali, festività religiose : Oronzo, Giusto e Fortunato. E altre ancora. Roba d’epoca.  E, mi raccontano di un maxi manifesto ante litteram per pubblicizzare uno spettacolo di Totò, molto più grande degli attuali 6 x 3.

Antonio Buttazzo, il tipografo che con testardaggine continuava ad utilizzare attrezzature antiche e sicure, ne era l’anima.

Arte e artigianato che si fondono e si confondono. Il tipografo era compositore, doveva avere intuito e creatività per mettere assieme colori e caratteri. E come lui tutti gli artigiani di un tempo che si dedicavano alla ricerca, si fabbricavano, molto spesso, gli strumenti del mestiere, proprio come lo scultore o il pittore che deve essere, prima di tutto, artigiano, imparare gli strumenti del mestiere.

Il volume presentato ieri sera nel fojer del teatro greco, a Lecce, è la sua storia.  Si tratta, in sostanza, della summa, non gli atti, di un convegno realizzato nel 50° anniversario della morte di Antonio (29 maggio 1957) ed è curato da Alberto Buttazzo e Maurizio Nocera .  Non sono gli atti del convegno in quanto il volume è arricchito da numerose altre testimonianze e da una ricca iconografia. Importante anche la presenza di relatori, oltre il saluto del sindaco di Lecce e di altri politici, sono intervenuti: Carlo Alberto Augeri, docente dell’Università del Salento – Gianni Carluccio, responsabile dell’archivio Tito Schipa – Giovanni Invitto, Preside della facoltà di scienze dell’informazione dell’Università del Salento – Alessandro Laporta, direttore della Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” – Massimo Gatta, della Biblioteca dell’Università degli Studi del Molise.

Alberto Buttazzo Tipografo a Lecce

Edizioni Milella, € 12

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!