Lu fattu te lu Nanni Orcu

di Alfredo Romano

Nc’era ‘na fiata ‘nu cristianu ca se chiamava Giuvanninu. Tenìa tanti fiji e lla mujère stia malata intra llu jettu. La fame era tanta mo’ e nnu’ ssapìa comu ia ffare cu ttroa quarche ppocu te mangiare. Ma ‘nu giurnu ca facìa friddu e mmutu jentu tisse:«Nnà! mo’ me piju la retrucàrica e bba’ bbìsciu ci pìju ‘nu pocu te auceddhi pe’ la mujère mia e ppe’ lli fiji mii ca sta mme mòranu te fame.»
Ia šcire mutu luntanu mo’, e ppe’ pruiste se mise ‘n poscia giustu do’ ove ddelessate. Camìna e ccamìna, camìna e ccamìna, rriàu intru ‘nnu fondu te ulìe, ma àrburi cusì erti mo’ ca parìa ca rriàvanu ‘n cielu. E llu jentu li facìa te cquai e de ddhai e nc’èranu tanti te quiddhi auceddhi ca se sentìa ci-cì! ci-cì!
«Beddhi mi’!» suspiràu lu Giuvanninu, «ca li fiji mii puru hanu mmangiare!» Tittu fattu e sse mise sparare sai? Ppim! ppum! ppam! Ppim! ppum! ppam! Catìanu ddhi sangu te auceddhi, sai? Tira te cquai, tira te ddhai, ‘nsomma, lu Giuvanninu se inchìu la borsa te auceddhi, e stia cu sse nde torna ccasa, quandu, tuttu te paru, ntise la terra ca ne rimbumbava sotta lli pieti: bum! bum! bum! bum! E quistu bum-bum se mbicinava sempre te cchiùi. Cce ggh’èra? Èranu li passi te lu Nanni Orcu ca te luntanu, sentendu sparare, era ssutu ‘n cerca te carne umana. Quandu lu pòveru Giuvanninu se ccorse ca era lu Nanni Orcu, addhu nu’ ppotte fare ca cu sse rràmpica susu ll’àrburu cchiù ertu ca nc’era. Addhai ca lu Nanni Orcu ne rriàu sotta e ffacìa cu sse rràmpica puru iddhu cu rria sse lu mangia. Ma era mutu crossu e scrufulava.
Ma lu Giuvanninu, a ddha ssusu a ddhunca stia, tenìa la retrucàrica sempre a ttirezione te lu Nanni Orcu.
Ma quandu lu Nanni Orcu tuccàu ccustata ca nu’ llu putìa propriu zziccare lu Giuvanninu, tuttu rraggiatu pijàu ccritare:
«Šcindi ca t’aggiu mmangiare! šcindi ca t’aggiu mmangiare!»
«Sì, ca era fessa mo’!» li rispundìa a ttonu lu Giuvanninu, facendu ddivedère ca nu’ llu timìa. E ntorna:
«Šcindi ca t’aggiu mmangiare! šcindi ca t’aggiu mmangiare!»
«Sienti, Nanni Orcu, cerca cu tte stai quetu quetu. Ca cce tte pensi? Ca iu su’ cchiù fforte te tie!»
«Comu sarebbe ddire ca si’ cchiù fforte te mie. E ffamme bbisciu comu sinti cchiù fforte!»
Lu Giuvanninu ‘llora cacciàu te poscia le ddo’ ove ddelessate e nne tisse:
«Sta lle viti ‘ste ddo’ palle te fierru?»
«Sta lle vìsciu! sta lle vìsciu!»
«Cuarda: iu cu ‘nna manu sula fazzu cu sse rùmpanu.» E nnu’ spicciàu te tire, ca le ddo’ ove ddelessate èranu già scrafazzate.
«Sangu te cusì!» castimàu lu Nanni Orcu «allora quistu è cchiù fforte te mie!» E sse vutàu a llu Giuvanninu e nne tisse:
«Sai cce ffanne? Šcindi ‘llora, nu’ mboju tte mangiu cchiùi, facìmu pace; anzi sciamu ccasa mia e nne facìmu’ ‘na beddha mangiata.»
«Parola ca nu’ mme mangi?»
«Parola!» tisse lu Nanni Orcu.
«Cuarda ca iu šcindu cu lla retrucàrica, cu stai ccortu. E poi vòju tte vvisu te ‘n’addha cosa, e ttiènila mmente senò su’ gguai pe’ ttie: se tieni la ventura cu mme tocchi puru cu ‘nnu tìsciatu, te nde uli ‘ll’aria e scumpari te la facce te la terra.»
«None none, nu’ tte toccu, nu’ tte toccu!» tisse lu Nanni Orcu. E ppoi tra de iddhu: «Sangu te cusì! Quistu hae béssere cchiù fforte te mie!»
E tutti toi te paru pijàra la strata ca scia a ccasa te lu Nanni Orcu, e quistu caminava e sse tenìa luntanu te lu Giuvanninu. Ca va’ ssacci… cu nnu’ ssia ia bulare ‘ll’aria!
Ma lu Giuvanninu lu tenìa sempre t’occhiu lu Nanni Orcu. Ca va’ sacci… quiddhu a llu meju se putìa menare sse lu mangia.
Quandu ca èranu ‘ppena rriati a lla casa te lu Nanni Orcu, la Nanni Orca, ca stia intru ccasa cu ffazza servizie, ntise già la ndore te carne umana. Sicché essìu te pressa e quandu vitte lu forastieru cu mmarìtusa, tisse sbabbata:
«Bongiornu, bon omu.»
«Bongiornu, bongiornu» rispuse iddhu mo’ cu nn’aria te omu benforte.
Ma la Nanni Orca, ccustànduse a ‘nna ricchia te lu Nanni Orcu, ne tisse cittu cittu:
«Beh, iu sta mmoru te fame: quandu ete ca ne lu mangiamu ‘stu cristianu?»
«Nu’ ccangi mai! Pe’ mmoi statte queta, àggi ‘nu pocu te canza: ca quistu è cchiù fforte te nui, tocca llu pijámu a ll’ampruìsa. Ma tie ‘ntantu cconza tàula, ca facìmu prima cu mmangia e ccu bbia, e ppoi, quandu ca s’hae binchiatu bonu bonu, lu mandamu sse curca. E quandu ca sta dorme ‘n chinu ‘n chinu, ne preparu ‘nu bbeddhu carizzu.»
E lla Nanni Orca giustàu tàula e tutti ttre se mìsera mmangiare. Li Nanni Orchi però mangiàra picca, ca sapìanu ca a llu cramatina s’ìanu binchiare te carne umana. Ca mo’ nu’ bbitìanu l’ora, no?
La Nanni Orca preparàu la stanza cu ddorma lu Giuvanninu e quistu, patrefijoluspiritusantu, sciu sse curca.
Quandu ca se fice notte funda, lu Nanni Orcu dišcitàu la Nanni Orca e nne tisse:
«Tie va prepara lu furnu, ca iu mo’ vau, lu fazzu a stozze e ccramatina ne lu mangiamu.» E lla Nanni Orca te pressa sciu cu dduma lu furnu.
Cce ffice lu Nanni Orcu? Pijàu ‘na sorta te ‘ccetta, crossa quantu osci-ccrai e šciu cu apre chianu chianu, senza ffazza rumore, la porta te la cambara a ddhunca sta’ ddurmìa lu Giuvanninu. Trasìu a llu scuru, sciu a ttirezione te lu jettu e nne zziccàu mmenare susu corpi te ccetta: tiritìnghi e tiritànghi! tiritìnghi e tiritànghi! E lle stozze se nde vulàvanu a ll’aria a ddhunca t’ete, ca ne catìanu puru ‘n facce.
«Ah, comu sta tte lu cumbinu,» facìa tuttu cuntentu lu Nanni Orcu «sta mme ddefriscu propriu. Cramatina vegnu mme ccoju ‘ste beddhe stozze: acchiàtu comu n’imu bbinchiare!» E llassàu tuttu comu se toa e scìu sse curca.
Ma se critìa iddhu mo’ ca lu facìa fessa lu Giovanninu! Lu fattu foe ca quistu l’ia pensata ca lu Nanni Orcu s’ia misu quarche ppianu ‘n capu cu llu ccite. Sicché cc’ia fattu? Ia pijàtu tante beddhe cucuzze ca ia truvatu intra ‘nnu canišcione e ll’ia giustate susu lu jettu, cu ffazza ccritìre mo’ ca iddhu stia ddha ssusu. Poi s’ia misu cu spetta a ‘nn angulu te la càmbara.
Quandu a llu cramatina lu Nanni Orcu trasìu intru lla stanza cu ‘nna canìšcia cu sse ccòja le stozze… e nnu’ bba tte vite lu Giuvanninu tuttu beddhu mpizzatu ca sta sse la passaggiava?
«Bongiornu,» tisse lu Nanni Orcu, ca nu’ ccritìa a ll’occhi soi, «hai turmùtu bonu stanotte?»
«Sì, sì, eccòmu! Àggiu turmùtu propriu bonu; sulamente ca a ‘nnu beddhu mumentu m’àggiu sentutu rriare ‘n capu scorze te nuci.»
«Sangu te cusì!» castimàu lu Nanni Orcu intra te iddhu. «Comu, l’aggiu fattu a stozze, l’aggiu fattu, e quistu tice scorze te nuci? Sangu! Ma quistu ‘llora è cchiù fforte te mie!»
Passàu tuttu lu giurnu. Alla sera ntorna mangiàra e llu Giuvanninu scìu sse curca. Ma a llu vutare te la menźanotte, lu Nanni Orcu tisse ‘n’addha fiata a lla Nanni Orca cu bbàscia pprepara lu furnu pe’ llu cramatina. Tenìa ‘n addhu pianu ‘sta fiata. Cce ffice? Sciu cu ppìja ‘na rota te trappitu, ca pisava quarche quintale, e sse mise cu lla spinge susu lle scale ca purtàvanu a lla làmmia te la càmbara a ddhunca turmìa lu Giuvanninu. Susu ‘sta làmmia nc’era ‘nu trabuccu ca tia luce e cca stia propriu terittu susu lu jettu. Sette camise sutàu lu Nanni Orcu cu lla pozza spingìre a ddha ssusu la rota. Aprìu ddhu sangu te trabuccu e scurumbulàu la rota susu lu jettu te lu Giuvanninu.
«Ah, mo’ sì ca l’àggiu ccisu! Cce mmangiata ca m’àggiu ffare cramatina!»
Iddhu mo’ se critìa…Lu Giuvanninu ia sciutu sine sse curca, ma cu ‘nn occhiu ia turmùtu e ccu ll’addhu ia statu ddišcitatu. Sicché, quandu ia ntisu lu rumore te quiddha sangu te rota, era sciutu sse scunde ntorna a ‘nn angulu.
Quandu a llu cramatina lu Nanni Orcu scìu cu sse ccòje ddha bbeddha carne umana, lu vitte ntorna tuttu mpizzatu, ca nu’ ccritìa a ll’occhi soi:
«Bongiornu» ne tisse.
«Bongiornu, bongiornu» rispundìu lu Giuvanninu.
«Beh, comu si’ statu stanotte?»
«Ah, bonu bonu! Sulamente ca a ‘nnu beddhu mumentu àggiu sentùtu ‘n capu do’ scorze te nuci.»
«Do’ scorze te nuci!» tisse intra te iddhu lu Nanni Orcu. «Sangu! N’àggiu menatu susu ‘na rota te trappitu e sta mme cunta te scorze te nuci? Quistu ‘llora hae béssere cchiù fforte te mie!»
Mo’ lu Nanni Orcu nu’ ssapìa cchiùi comu ia ffare cu sse mangia lu Giuvanninu. Pensa e pensa: «Mo’ sa’ cce ffazzu?» tisse «Lu portu intra llu boscu e bitìmu a cci è ccapace cu mmena ‘n àrburu ‘n terra cu lle mane sulamente. Ca… bonu bonu, pìju ‘n àrburu, ne lu menu susu e ffazzu cu mmora!»
«Vo’ tte mmisuri cu mmie?» tisse lu Nanni Orcu a llu Giuvanninu «Vitìmu ci è ccapace crai cu mmena ‘n àrburu ‘n terra te intra llu boscu.»
«Ca percé:» rispuse lu Giuvanninu «nu’ mme tiru rretu iu.»
Ma appena se fice notte, lu Giuvanninu scìu cu ‘nnu serrettu intra llu boscu e ccuminciàu sserrare ‘n àrburu, quiddhu ttantu però cu rresta ‘ppena ‘ppena tisu. Poi fice do’ busci a llu troncu quantu ‘nu tìsciatu e lli inchìu te ricotta.
A llu crai se ‘źara prestu tutti toi cu bbanu intra llu boscu, e llu Giuvanninu ne rripetìu ntorna a llu Nanni Orcu cu stèscia ttentu e ccu ccamina luntanu te iddhu: se no acchiàtu a ddhu se nde vulava.
Rriati ca fora a llu boscu, lu Giuvanninu se mise nnanzi ll’àrburu ca ia serratu e nne tisse a llu Nanni Orcu:
«Vo’ tte fazzu biti ca ‘st’àrburu fazzu ccàscia ‘n terra cu ddo’ tìsciate?»
«Vane! vane! Cce sta’ mme tici? Mo’ sta’ bindi tràpule!»
«Statte ttentu ‘llora.»
E llu Giuvanninu nfilàu do’ tisciate intra lli busci chini te ricotta e, quantu pare ca ne tese ‘na spinta e ll’àrburu catìu.
«Sangu te cusì!» tisse lu Nanni Orcu «Ca quistu è cchiù fforte te mie!»
E ccusì se nde turnàra ccasa. Lu bellu ca la Nanni Orca, lu stessu ca piace, ia preparatu lu furnu cu sse rrùstanu lu Giuvanninu e quandu li vitte rriare tutti toi rimase cu ttantu te cannarozzu.
«Acquai nu’ sse pote fare gnenzi,» ne tisse cittu cittu lu Nanni Orcu a lla Nanni Orca «quistu è cchiù fforte te mie!»
E ppassàvane li giurni e llu Giuvanninu pensava sempre a lli fìji soi ca sta’ mmurìane te fame e a lla mujère soa ca stia intra ‘nnu fundu te jettu. Mo’ nu’ ssapìa comu ia ffare cu sse la squàja te lu Nanni Orcu. Pensa e pensa alla fine ne vinne ‘n capu ‘nu pianu. Nc’era nnanzi ccasa te lu Nanni Orcu ‘na palla te fierru ca pisava ci sape quanti quintali. Cce ffice? Se piazzàu nnanzi ddha palla e ccuminciàu a ccritare menandu le razze a ll’aria:
«Cristiani te quistu mundu e de quiddhàaaddhu… scansàaative… rriparàtive a ‘nn angulu te càaasa… stàu cu ttoccu cu ‘nnu tìsciatu ‘sta palla te fièeerru… stàtive ttèeenti… mo’ se nde vula ‘ll’àaaria… e bba ccate a quarche ppàaarte!»
Lu Nanni Orcu ntise. «Ma cce sta ccrita?» tisse «Vo’ tte fazzu biti ca sta mme cumbina ‘n’addha te le soe? Assa cu bba bbìsciu, cu nnu’ ssia me mena quarche addhu cazzunculu.»
Quandu scìu e llu vitte nnanzi ddha sangu te palla: «’Nsomma se po’ capire percé sta’ ccriti?» ne tisse. E llu Giuvanninu ntorna:
«Cristiani te quistu mundu e de quiddhàaaddhu… scansàaative… rriparàtive a ‘nn’angulu te càaasa… stau cu toccu cu ‘nu tìsciatu ‘sta palla te fièeerru… stàtive ttèeenti… mo’ se nde vula ‘ll’àaaria… e bba ccate a quarche ppàaarte!»
«None none! statte quetu! pe’ ll’amore te ddiu!» Ma nu’ nc’era gnenzi te fare: lu Giuvanninu nu’ lla spicciava te critare ‘cristiani te cquai e ccristiani te ddhai.
«Pe’ ll’amore te ddiu! pe’ ll’amore te ddiu!» nsistìa lu Nanni Orcu «nu’ mme tuccare quiddha palla te fierru! làssala stare! fermu, fermu! Cu nnu’ ssia va nne cate ‘n capu!» Ma lu Giuvanninu nu’ lla spicciava te critare.
«Sièntime cquai, sièntime cquai» risulvìu allora lu Nanni Orcu. «Vòju tte tau ‘nu caricu te sordi: basta ca te nde vai. Te tau ‘nu ciucciu e ddo’ visazze chine chine te tucati t’oru. Vane e nnu’ ffatte cchiùi bbitìre: ca tie quantu cchiùi stai cquai, cchiùi me minti intru lli perìculi.»
E llu Giuvanninu ippe lu ciucciu cu le ddo’ visazze chine te oru, ma prima cu pparta tisse a llu Nanni Orcu:
«Iu sta mme nde vau, ma nu’ ppozzu salire susu llu ciucciu senò se nde vula. Vole tire ca iu caminu ‘ll’ampete e llu ciucciu te coste.»
Salutàu lu Nanni Orcu e lla Nanni Orca e partìu.
Quantu ca fice ‘nu pocu te strata, poi, sicuru ca nu’ llu vitìa cchiui nišciunu, pijàu e mmuntàu susu lu ciucciu. E ffuci ccasa mo’!
Lu Nanni Orcu però già s’ia fattu pentutu te tutti quiddhi sordi ca n’ia tatu. Nu ss’ia datu pe’ vintu ‘ncora.
«Cilaccriatu! tocca llu zzaccu!» tisse, e sse mise mmarciare cu llu rria. Addhai ca lu Giuvanninu mentre sta truttava cu llu ciucciu, sciu bba ssente: bum! bum! bum! bum!
«Sangu te ddhu porcu!» tisse «Lu Nanni Orcu sta mme sècuta!»
Cusì šcise te lu ciucciu, lu pijàu, lu scuse a rretu a ‘nnu cozzu e se mise ccuardare ‘ll’aria pe’ ffinta. Rriàu lu Nanni Orcu e vitte lu Giuvanninu senza ciucciu ca sta ccuardava ‘ll’aria.
«Ma se po’ ccapire cce gh’ete ca sta’ ccuardi?» ne tisse lu Nanni Orcu.
«Nna! è successu ca senza mmancu cu mme ddunu, àggiu tuccatu lu ciucciu cu ‘nnu tìsciatu e quiddhu se nd’è bbulatu ‘ll’aria cu ttutte le visazze. Sta ccuardu ci pe’ ccasu lu vìsciu šcindire a quarche parte.»
«Sangu te cusì!» tisse tra de iddhu lu Nanni Orcu. «Acquai è mmeju cu mme nde vau, cu nnu’ ssia quiddhu, ci va mme tocca cu ‘nnu tìsciatu, me face cu mme nde ulu ll’aria comu lu ciucciu!»
E ‘sta fiata, lu Nanni Orcu se nde turnàu rretu senza nuddha speranza cchiùi cu sse mangia lu Giuvanninu.
E llu Giuvanninu, angrazieteddiu, putìu turnare ccasa soa, ma, a llu trasire ca fice ccasa, truvàu la mujère e lli fiji cchiù mmorti ca bbii. Ma quandu aprìu le visazze e ffice cu bbìscianu tutti quiddhi tucati t’oru, frate miu! l’ii bitire cumu sartàvanu pe’ lla cuntentezza. E llu Giuvanninu chiamàu li fiji e a unu a unu li cumandàu:
«Tieni ‘sti sordi tie! vane e ccatta lu pane; tie nà! vane e ccatta la murtatella, tie ccatta ‘na ringa, tie pija to’ nuceddhe, tie li portacalli, tie la ggiocculata, tie ‘nu beddhu litru te vinu, tie l’òju. E sbricàtive: ca te osci nnanzi intru ‘sta casa la fame nu’ ss’hae mancu nnominare!
E iddhi vìssera felici e ccuntienti e nnui nu’ ìppime gnenzi. Ci voi tte cuntu ‘n addhu me tai ‘nu taraddhu.

 

 

Il fatto del Nanni Orco (traduzione)

C’era una volta un tale che si chiamava Giovannino. Teneva tanti figli e la moglie stava nel letto ammalata. La fame era tanta e lui non sapeva come fare per trovare un po’ da mangiare. Ma un giorno che faceva freddo e c’era vento, disse:
«To’! mo’ mi armo di fucile e vado a vedere se piglio un po’ d’uccelli per la moglie mia e per i figli che mi muoiono di fame.»
Visto che doveva recarsi lontano, si mise in tasca per provviste giusto due uova sode. Cammina e cammina, cammina e cammina, giunse presso un fondo d’ulivi, ma ulivi così alti che pareva toccassero il cielo. E il vento li scuoteva di qua e di là e c’erano tanti di quegli uccelli che si sentiva un continuo ci-cì! ci-cì! ci-cì!
«Belli miei!» sospirò Giovannino, «ché pure i figli miei hanno diritto di mangiare!»
Detto fatto. Prese subito a sparare, sai? Pim! pum! pam! Pim! pum! pam! E cadevano gli uccelli, sai? Insomma tira di qua, tira di là, Giovannino si riempì la borsa di uccelli e stava per far ritorno a casa quando, ad un tratto, sentì la terra rimbombargli sotto i piedi: bum! bum! bum! bum! E questo bum-bum era sempre più vicino. Cos’era? Erano i passi del Nanni Orco che, avvertiti gli spari da lontano, si era mosso in cerca di carne umana.
Quando il povero Giovannino intravide Nanni Orco, altro non potette fare che rifugiarsi in cima all’albero più alto che c’era. Lì che Nanni Orco gli si fece sotto tentando a più riprese di arrampicarsi, però, ahimè, lui era così grosso che a ogni tentativo scivolava e scivolava lungo il tronco. Ma Giovannino, appollaiato in alto lassù, non smetteva di tenergli il fucile puntato.
Quando Nanni Orco si convinse di non poter acchiappare Giovannino, preso dalla rabbia, si mise a urlare:
«Scendi ché ti devo mangiare! Scendi ché ti devo mangiare!»
«Sì, che sono fesso io!» gli rispondeva Giovannino, facendogli credere di non temerlo. E di nuovo:
«Scendi che ti devo mangiare! Scendi che ti devo mangiare!»«Senti, Nanni Orco,» più deciso stavolta Giovannino, «stattene quieto quieto! Ma che credi: io son più forte di te!»
«Come sarebbe a dire che sei più forte di me: e fammi vedere allora come sei più forte!»
A questo punto Giovannino tolse dalla tasca le due uova sode, le chiuse in un pugno e gli disse:
«Le vedi queste due palle di ferro?»
«Le vedo, le vedo.»
«Stai attento, perché io posso romperle con una mano sola.» E non finì di dire che le due uova erano già schiacciate.
«Sangue di così!»[2] bestemmiò Nanni Orco, «allora questo è più forte di me!» Quest’ultime parole dette sottovoce. E si voltò verso Giovannino e gli disse:
«Fai una cosa: scendi pure, facciamo la pace, non ti voglio mangiare più. Andiamo a casa mia anzi: lì ci faremo una bella mangiata.»
«Parola che non mi mangi?»
«Parola!» disse Nanni Orco.
«Attento però, che io scendo col fucile. Ti avviso di un altro fatto poi, e tienilo in mente se no saranno guai per te: se tu avessi la ventura di sfiorarmi sia pure con un dito, prenderesti il volo e scompariresti dalla faccia della terra.»
«No no non ti tocco! non ti tocco!» disse Nanni Orco. Ma poi tra sé: «Sangue di così! questo deve essere proprio più forte di me!»
Ed entrambi s’incamminarono per la via che portava alla casa di Nanni Orco. Costui però, a rischio di volare in aria, si teneva ben distante da Giovannino.
Erano appena arrivati nei pressi della casa, che Nanni Orca, intenta alle faccende domestiche, fiutò già l’odore di carne umana. Per questo uscì di fretta e, alla vista del forestiero, fece sorpresa:
«Buongiorno, buon uomo.»
«Buongiorno!» rispose Giovannino con una faccia spavalda.
Ma Nanni Orca, accostandosi all’orecchio di Nanni Orco, gli disse zitta zitta:
«Quando ce lo mangiamo? Ché io sto morendo di fame!»
«Ma tu non cambi mai!» le sussurrò stizzito, «mo’ te ne stai quieta quieta. Un po’ di pazienza diamine! Sai, questo è più forte di me, e bisogna prenderlo di sorpresa! Ma tu aggiusta tavola intanto: prima lo facciamo mangiare e bere e, una volta sazio, lo manderemo a dormire. E mentre lui dorme io gli preparo… una bella carezza!»
E Nanni Orca approntò subito tavola e si misero tutti a mangiare. In verità i due Nanni Orchi mangiarono poco, pregustando più in là un piatto più sostanzioso di carne umana. Giovannino invece ne approfittò perché aveva fame e, una volta sazio, si avviò a dormire nella camera approntatagli da Nanni Orca. Padrefigliolospiritosanto e finì a letto.
Ma appena si fece notte fonda, Nanni Orco svegliò Nanni Orca e le ordinò:
«Tu vai ad accendere il forno, io intanto vado e faccio a pezzi quel cristiano. Ah ah!, domattina che bella mangiata!»
Che ti fece Nanni Orco? Afferrò un’accetta grossa quanto oggi e domani, entrò piano piano nel buio della camera di Giovannino e s’accostò al letto. Qui si mise a menare colpi d’accetta: tiritinghi e tiritanghi! tiritanghi e tiritanghi! I pezzi volavano dappertutto e gli ricadevano pure in faccia. «Ah, come te lo sto combinando!» ripeteva felice Nanni Orco.
Quando credette d’averlo fatto in mille pezzi, lasciò la camera col proposito di tornarci non appena fatto giorno.
Giovannino invece non s’era fatto fregare: il sospetto che Nanni Orco stesse architettando un piano per ucciderlo lo aveva avuto. Così aveva raccolto un bel po’ di grosse zucche e le aveva adagiate sul letto a comporre una sagoma. Poi s’era posto al riparo in un angolo della camera.
E all’alba Nanni Orco varcò la stanza munito di un canestro con l’intento di riempirlo dei pezzi di carne umana. Ma quale sorpresa quando vide Giovannino tutto bello in piedi.
«Buongiorno!» disse Nanni Orco che non credeva ai suoi occhi. «Ma… hai dormito bene stanotte?»
«Sì, sì, eccome!, ho dormito proprio bene! Solo che a una certa ora della notte mi son sentito cadere addosso delle bucce di noci.»
«Sangue di così! Come…» imprecò Nanni Orco tra sé, «l’ho ridotto in pezzi e mi parla di bucce di noci. Sangue! questo allora è più forte di me!»
Trascorse il giorno. A sera, dopo la cena consueta, Giovannino si ritirò nuovamente in camera. Ma, a mezzanotte, ecco Nanni Orca pronta di nuovo ad accendere il forno. Nanni Orco stavolta però aveva escogitato un altro piano. Che ti fece? Raccolse una macina in pietra di frantoio, pesantissima, e prese a spingerla sulla scala esterna che portava al terrazzo, dove un lucernario si apriva proprio sul letto di Giovannino. Sette camicie sudò Nanni Orco per spingervi quella macina, per aprire il lucernario e scaraventarla sul letto di Giovannino.
«Stavolta sì che l’ho ammazzato!» fece sicuro tra sé Nanni Orco.
Giovannino invece… se ne stava ancora tranquillo, rifugiato nel solito angolo.
Quando, fattosi giorno, Nanni Orco tornò in camera per portarsi via la sospirata carne umana, non credette ai suoi occhi quando vide di nuovo Giovannino tutto bello in piedi.
«Buongiorno!» gli disse.
«Buongiorno, buongiorno!» ebbe per tutta risposta.
«Ma… come hai dormito stanotte?»
«Bene, bene: giusto a una certa ora della notte mi son sentito cadere in testa delle bucce di noci.»
«Bucce di noci!» fece tra sé Nanni Orco. «Sangue!… una macina di frantoio… e quello mi parla di bucce di noci! Questo allora è più forte di me!»
Mo’ Nanni Orco non sapeva più che piano inventarsi. Pensa e ripensa… «Sai che faccio,» si disse? «lo porto nel bosco e lo sfido ad abbattere un albero con le sole mani. Così, sul più bello, gli scaravento l’albero addosso e lo faccio morire!»
«Vuoi misurarti con me?» propose Nanni Orco a Giovannino. «Vediamo chi è più bravo domani ad abbattere un albero del bosco con le sole mani.»
«Non mi tiro indietro!» pronto Giovannino.
Ma appena si fece notte, Giovannino prese una sega e si recò nel bosco. Qui scelse un albero e lo segò in basso, ma quel tanto da consentirgli di tenersi ancora in piedi. Poi praticò due buchi profondi sul tronco, giusto per infilarci due dita, e li riempì di ricotta.
S’alzarono presto il giorno dopo e, sulla via per il bosco, Giovannino non si stancò di ripetere a Nanni Orco di tenersi sempre distante da lui, a rischio di spiccare il volo e perdersi in aria. Giunti che furono nel bosco, Giovannino prese posto davanti all’albero già segato e disse a Nanni Orco:
«Stai a vedere che quest’albero lo faccio cadere a terra spingendolo con due sole dita?»
«Va’ va’! ma che dici: tu mi vendi frottole!»
«E guarda allora.» Detto fatto. Giovannino ficcò le dita nei buchi pieni di ricotta, una leggera spinta e l’albero cadde.
«Sangue di così! questo è più forte di me!» tra sé Nanni Orco.
E così se ne tornarono a casa. Il bello fu che Nanni Orca anche stavolta non aveva mancato di accendere il forno per arrostire Giovannino. Per questo, vedendoli tutti e due di ritorno, rimase con tanto di naso.«Qui non c’è niente da fare!» le disse Nanni Orco in un orecchio, «Questo è più forte di me!»
Passavano i giorni e Giovannino pensava sempre ai figli suoi che morivano di fame e alla povera moglie che stava ammalata in un fondo di letto. Voleva fuggire da Nanni Orco, ma per il momento doveva essere prudente, aveva bisogno di un piano. Pensa e ripensa alla fine ebbe un’idea.
V’era nei pressi della casa del Nanni Orco una grossa palla di ferro. Che ti fece? Si piazzò davanti alla palla e si mise a gridare facendo grandi gesti:
«Uomini di questo mondo e di quell’àaaltro… scansàaatevi… riparatevi a un angolo di càaasa… sto per toccare con un dito questa palla di fèeerro… state attèeenti… adesso prende il vòoolo… va a cadere da qualche pàaarte!»
Nanni Orco intese. «Ma che grida!» disse. «Stai a vedere che vuol combinarmi un’altra delle sue? Fammi andare a vedere, ché quello mi vuol mettere qualche altro cavolo in culo.» Così si avvicinò a Giovannino, ma questi continuava imperterrito a gridare.
«Si può capire perché gridi?» disse Nanni Orco. Ma Giovannino non smetteva:
«Uomini di questo mondo e di quell’àaaltro… scansàaatevi… riparatevi a un angolo di càaasa… sto per toccare con un dito questa palla di fèeerro… state attèeenti… adesso prende il vòoolo… va a cadere da qualche pàaarte!»
«No no, cristiano mio, per l’amore di Dio, non toccarmi quella palla di ferro! lascia stare! fermo! fermo che può cadere in testa a noi!» Ma Giovannino non sentiva ragioni. Alla fine Nanni Orco:
«Stammi a sentire:» gli disse «ti darò un asino con due basti carichi di ducati d’oro: basta che te ne vai! E non farti vedere mai più, perché tu, se continui a star qui, non farai che mettermi nei pericoli.» E Giovannino ebbe l’asino e i due basti carichi di ducati d’oro, ma prima di mettersi in viaggio disse a Nanni Orco:
«Io me ne vado, ma non monterò sull’asino perché tu sai che, se malauguratamente lo toccassi sia pure con un dito, quello prenderebbe il volo. Farò la strada a piedi quindi, a distanza dell’asino.» Poi salutò i due Nanni Orchi e se ne partì.
Ma, fatta un po’ di strada, sicuro di non essere più visto, montò sull’asino e… trotta verso casa mo’!»
Nanni Orco però, nel frattempo, s’era pentito della sua generosità e decise di mettersi in marcia per raggiungere Giovannino. Lì che questi, trottando sull’asino, ti andò a sentire bum! bum! bum! bum!
«Sangue di quel porco!» imprecò, «è Nanni Orco!» Scese subito dall’asino allora, lo nascose dietro a un grosso masso e poi prese a far finta di guardare in aria. Qui che sopraggiunse Nanni Orco:
«Si può capire cosa stai guardando?» chiese a Giovannino.
«Purtroppo senza avvedermi ho toccato l’asino con un dito ed è sparito in aria con tutte le bisacce. Guardo nella speranza di vederlo cadere da qualche parte.»
«Sangue di così!» disse tra sé Nanni Orco, «se questo mi tocca con un dito, mi fa fare la fine dell’asino!» E si allontanò, e questa volta per sempre.
E, ingraziadiddio, Giovannino fece finalmente ritorno a casa dove trovò la moglie e i figli più morti che vivi. Ma quando vuotò le bisacce cariche di ducati d’oro, dovevi vederli tutti saltare di gioia. Così Giovannino chiamò i figli suoi e, a ognuno dando dei soldi, ordinò:
«Tu tieni! vai a comprare il pane, tu to’! vai a comprare la mortadella, tu compra un’aringa, tu delle noccioline, tu le arance, tu la cioccolata, tu un bel litro di vino, tu l’olio e tu questo e tu quest’altro. E sbrigatevi, che d’ora innanzi in questa casa la fame non si deve neppure nominare!»
E loro vissero felici e contenti e noi non avemmo niente. Se volete un altro fatto, datemi un tarallo.

_________________________________
NOTE

[1] Auceddhi è dialetto di Neviano. A Collemeto si dice ceddhi.

[2]L’espressione Sangu te cusì (sangue di così) nei racconti sostituiva una bestemmia. Quel cusì poteva essere Dio, la Madonna o qualche santo. Era generalmente usata dal narratore timorato di Dio, che, alle prese con un discorso diretto, non se la sentiva di ripetere di pari passo una bestemmia pronunciata da un personaggio del racconto. Gli sarebbe parso di bestemmiare a sua volta. C’è da dire che se era un uomo a narrare non si faceva tanti scrupoli a volte. Se poi c’erano bambini ad ascoltare quel cusì era d’obbligo. Altre finte bestemmie che io ricordi, che della bestemmia conservavano il suono e l’espressione (quindi non sostanziali, inefficaci ai fini del peccato) erano: Sangu te la culonna o Sangu te la matombula (invece di Madonna); oppure Mannaggia lu spiritu canfuratu (al posto di Spirito Santo); ancora: Sangu te santu nuddhu (sangue di nessun santo).

Da: Alfredo Romano, Lu Nanni Orcu, papa Cajazzu e altri cunti salentini. Nardò, Besa, 2008.

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!