Impressioni di un viaggio settembrino nella Terra d’Otranto

ph Anna Sterpone

di Lucia Gualandi

Un viaggio organizzato nel Salento, parte in treno e parte in bici, poche settimane fa, mi ha particolarmente colpita e ben volentieri vorrei condividere alcune sensazioni con i lettori di questo blog.

Prima di tutto i paesaggi bellissimi, fino ad allora per me sconosciuti, che l’organizzazione ha messo sotto i nostri occhi:

Nelle Murge gli uliveti curati come giardini zen, con ulivi centenari dai tronchi attorcigliati e le piante gigantesche di fichi d’India; le stradine delimitate dai muretti a secco, che separavano i campi e sulle quali era bellissimo pedalare. Come non ricordare i dolcissimi  fichi che mangiavamo lungo la strada, allietando la fatica delle salite.

ph Anna Sterpone

La valle d’Itria, da mozzafiato, con estensione di campi accuratamente coltivati e deliziosamente punteggiata dai  trulli, come particolarmente offriva la vista da Cisternino.

La costa del Salento  con le sue acque cristalline, tra piacevolissime ed inaspettate  scogliere, nelle quali ho fatto bellissimi bagni. Pittoresche insenature, misteriose grotte, inusuali torri costiere pluricentenarie. Un territorio incontaminato la cui terra ha gradazioni cromatiche uniche, tipiche di questa terra baciata dal sole, che offre sapori particolarissimi, tra i quali indimenticabili quelli offerti dal panzarotto,  fritto o rustico, che mangiavamo a pranzo.

ph Anna Sterpone
ph Anna Sterpone

Impossibile elencare le bellezze delle tante cittadine e borghi visitati, ma non posso esimermi dall’accennare a quei luoghi che ancora porto dentro di me:

  • Matera: le abitazioni rupestri sono segno tangibile di una vita difficile ed integrata negli anfratti della natura; ma anche il ricordo di quello che è stato il cambiamento importante che è avvenuto in questa zona con la Repubblica Italiana, quando  De Gasperi in  particolare si occupò e si preoccupò, non compreso, di questa condizione di vita.
  • Gioia del Colle con il castello di Federico II che ci ricorda il suo genio e l’importante contributo dato a  questa terra.
  • Alberobello e i suoi trulli, chiaro segnale della “antropizzazione” di questa terra dura e bellissima (il vocabolario dà questo significato: antropizzazione n.f. [pl. -i] trasformazione delle caratteristiche di un territorio o di un paesaggio precedentemente intatto per effetto dell’intervento umano ). Deriv. del gr. ánthropos ‘uomo’.
  • Locorotondo: eccezionali i suoi vini e le sue cantine… il primitivo e il negroamaro…
  • Cisternino e Ostuni, città bianche ad impianto arabo, dai vicoli suggestivi ed affacciati sulla valle.
  • Gallipoli, la “città bella” (kalè polis in greco), una rocca sul mare, avamposto sullo Ionio  e antico presidio commerciale che ha conosciuto la fortuna con il commercio dell’olio lampante fabbricato nei frantoi ipogei.
  • Copertino e Galatina meta di tutti i tarantolati  per le  quali ho il rimpianto di non essere riuscita a visitare a fondo il castello di Copertino e la chiesa di Santa Caterina a Galatina
  • Otranto: capitale del Salento in epoca bizantina  e porto più orientale d’Italia, con il suo centro storico le sue chiese. La cattedrale, il cui splendido pavimento purtroppo era coperto, e la chiesa di San Pietro, segno tangibile della presenza  greca e della sua influenza nell’area.
  • San Nicola di Casole, del quale abbiamo solo visto da lontano il luogo dove  era situato il monastero basiliano: i suoi resti sono su un fondo privato e inaccessibile e così ci siamo limitati ad immaginare,  ricordando l’ importanza storica  culturale e religiosa dello scriptorium monastico, ponte fra Occidente e Oriente, fra cultura cattolica  latina e  greco ortodossa, centro  da cui si irradiò la cultura bizantina nell’Italia merdionale,  in cui si formavano i giovani e in cui si preservava la cultura greca o “ grica”, che ha segnato in modo indelebile il Salento.
  • Lecce, detta Firenze del sud, con le sue chiese barocche (in particolare  Santa Croce), veri ricami in pietra leccese, con l’arte della cartapesta,  i suoi locali anima della vita notturna della città… e il pasticciotto con il caffè in latte di mandorle.
ph Anna Sterpone
ph Anna Sterpone
ph Anna Sterpone
ph Anna Sterpone

Ed infine,  ma non meno importanti,  voglio ricordare  gli incontri con le persone che sempre si sono dimostrate accoglienti, disponibili e gentili:  l’accompagnatore, di origini leccesi, che ci ha trasmesso il suo amore per la sua terra, i suoi amici che ci hanno accompagnato nelle serate al suono della pizzica,  gustando l’ottima cucina pugliese e tutti coloro che ci hanno mostrato i tesori artistici e le tecniche produttive locali.

Rimane il ricordo delle risate che ho fatto ed il senso di benessere che ho avuto in quei giorni nonchè l’eco del vocìo dei miei compagni di viaggio – in particolare una-  che gridavano sempre “ che bello… che meraviglia…”.

Ci tornerò…

ph Anna Sterpone

2 Commenti a Impressioni di un viaggio settembrino nella Terra d’Otranto

  1. Testimonianze come questa danno lo stimolo a continuare a restituire, attraverso questo sito, l’incanto della Terra d’Otranto, di giorno in giorno, di pedalata in pedalata :)
    Grazie

  2. Questo viaggio ha lasciato in me ricordi bellissimi, fatti di luce, colori, luoghi incantevoli che è stato particolarmente entusiasmante scoprire al ritmo “lento” della bicicletta, un mezzo che mi ha fatto davvero respirare l’aria dei luoghi attraversati, con i suoi profumi, le voci, il saluto scambiato al volo con altri ciclisti o i passanti, un mezzo che mi ha permesso di vedere i ciclamini cresciuti numerosissimi lungo la strada, di scoprire il territorio – borghi, uliveti, mare – con la forza delle mie gambe e senza inquinarlo, e che, infine, mi ha fatto veramente gustare, la sera a cena, le ottime specialità della cucina pugliese!

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!