I nomi sono presagi. Lo scrive e lo dimostra Armando

 

da http://bottegheoscure.splinder.com/archive/2007-09

OMINA NOMINA

 

di Armando Polito

Il titolo è la forma abbreviata della locuzione latina nòmina sunt òmina (i nomi sono presagi) che rifletteva la credenza dei Romani che nel nome della persona fosse indicato il suo destino. Non è una credenza originale perché è presente già nel mondo greco con Platone e Teofrasto e a me sinceramente sembra una forma rozza e primitiva di prevedere il futuro non diversa da quella con cui in passato pretendevano di farlo la Pizia, la Sibilla e gli aruspici e oggi maghi e fattucchieri. Questa volta, però, sono costretto anch’io a fare il mago (sfruttando un apposito software on line…) e a dedicarmi a qualcosa che definisco puro e semplice gioco (il mio, però, è innocuo e gratuito…) perché ne sono profondamente convinto e non per difendermi da un’eventuale accusa di calunnia. Il gioco consiste nell’anagrammare il nome e cognome di personaggi quotidianamente alla ribalta, e unicamente per motivi di spazio vi coinvolgerò solo pochi protagonisti della politica governativa (salvo un fuoruscito…) e mi limiterò solo nei casi più ermetici, facendo concorrenza agli interpreti di Nostradamus, a commentare il responso del computer.

1) GIANNI LETTA (sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio) tentai lagni.

2) CARLO GIOVANARDI  (sottosegretario Famiglia, droga, servizio civile) giovani col radar oppure adorava gin.1

3) PAOLO BONAIUTI (sottosegretario Informazione, comunicazione ed editoria) io punto al boia.2

4) GIANFRANCO MICCICHE’ (sottosegretario CIPE) macini gnocca.3

5) DANIELA SANTACHE’ (sottosegretario Programma di governo) ha la cantina sede.4

6) ANDREA AUGELLO (sottosegretario Pubblica amministrazione e innovazione) ora allude, nega.5

7)LAURA RAVETTO (sottosegretario Rapporti con il Parlamento) votata, urla “re!”6

8) GUIDO BERTOLASO (sottosegretario Protezione civile) se idrologo tuba…

9) GIANFRANCO ROTONDI (ministro Attuazione programma di governo) fa cigno tra rondoni.

10) RENATO BRUNETTA (ministro Pubblica amministrazione e innovazione) brutto tenne ara.

11) MARA CARFAGNA (ministro Pari opportunità) fa mancar gara.7

12) ANDREA RONCHI (ministro Politiche europee) chinando erra.

13) CLAUDIO SCAJOLA  (ministro Sviluppo economico, fino al 5 maggio 2010) io ci scaldo aula oppure dai, io cullo casa!

14) ELIO VITO (ministro Rapporti con il Parlamento) io levito.

15) UMBERTO BOSSI (ministro Riforme per il federalismo) mi sto su ebbro.8

16) MARIASTELLA GELMINI (ministro Istruzione, università e ricerca) sen lima, taglia merli.9

17) GIORGIA MELONI (ministro per la gioventù) noleggiai mori.10

18) ROBERTO CALDEROLI (ministro Semplificazione normativa) creder tallo Orobi.11

19) FRANCO FRATTINI (ministro Affari esteri) non tra traffici.

20) ROBERTO MARONI (ministro Interno) io trombar nero.12

21) ANGELINO ALFANO (ministro giustizia) anelano il fango.13

22) IGNAZIO LA RUSSA (ministro Difesa) urlo assai, ganzi!

23) GIULIO TREMONTI (ministro economia e finanze) urlo ignoti temi.14

­­­­­­­24) GIANCARLO GALAN (ministro politiche agricole, alimentari e forestali) a galla con grani.

25) SILVIO BERLUSCONI (presidente del Consiglio) unico visir sbolle oppure lisci viso burlone oppure bel culoso, rivinsi.

Assumo fin da ora l’impegno a dedicare la mia attenzione futura a chi dovesse subentrare nel governo attuale e, se sarà la sinistra, avrò rispettato pure la par condicio… Per ora un assaggio: PIERLUIGI BERSANI rigiri plebe suina.

E, per scoraggiare quei milioni che senza dubbio hanno già deciso di votarmi prima ancora che io, in un empito di follia, mi presenti candidato, si sappia che ARMANDO POLITO, dopo anagramma, è trama dopo il no.

_____

1 Il primo risultato è in linea con la situazione demografica attuale (tra poco bisognerà cercare i giovani col radar), il secondo vede nell’imperfetto un ridimensionamento del suo contenuto inquietante che, però, pare in linea con una tendenza abbastanza diffusa (vedi più avanti nn. 5 e 15 con le relative note).

2 Riferimento alla legge sulla libertà di stampa e di informazione?

3 Se l’espressione è riferita al suo principale è difficile dire se è dettata da ammirazione, piaggeria o invidia.

4 Ecco, forse, perché certe decisioni…; comunque il vizietto, se di vizietto si tratta, è in comune coi nn. 2 e 15).

5 Avrà preso lezioni dal suo principale?

6 Quell’omertoso del computer si è rifiutato di dirmi chi sarebbe questo re; ma io ho la mia idea…

7 Debbo riconoscere che neppure il freddo computer è rimasto insensibile alla sensualità della nostra, a meno che “gara” non si riferisca non a una gara di bellezza ma a  qualche gara d’appalto…

8 Sarà lo stesso vizietto dei nn. 2 e 5?

9 Sen=se ne; i merli sono i precari…e non solo.

10 Razzismo in comune col n. 20?

11 Qui debbo indossare i panni del sacerdote-interprete per ricordare che tallo sta per base, fondamento e che gli Orobi erano una popolazione preromana stanziata nel territorio attorno al lago di Como.

12 Razzismo in comune col n. 17?

13 Anche qui il computer ha fatto l’omertoso, ma credo che il soggetto della frase sia ”i giudici di sinistra”.

14  Con riferimento al fatto che, almeno secondo lui, sarebbe stato il primo al mondo a prevedere l’attuale crisi e, cosa più importante, le cause scatenanti.

Un commento a I nomi sono presagi. Lo scrive e lo dimostra Armando

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!