Lecce, il restauro delle porte d’ingresso nella basilica di S. Croce

di Rocco Boccadamo

 
(ph R. Boccadamo)

 

Lettera aperta al Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, al Sindaco di Lecce Paolo Perrone e, per conoscenza, al Capogruppo PD al Comune di Lecce Antonio Rotundo.

 

Nello scorso gennaio ho lanciato alle SS.VV. – direttamente e anche attraverso la stampa – un vibrato e motivato appello per il restauro dei manufatti di legno relativi al portone centrale e alle due porte laterali esistenti sul frontespizio della basilica di S. Croce.

Pur essendoci state, da parte Vostra, pubbliche dichiarazioni di sensibilità e interesse rispetto al problema, a distanza di un trimestre non è successo alcunché di concreto.

Le anzidette strutture lignee sono, infatti, sempre lì, in condizioni vieppiù pietose, per non dire vergognose, quando, alla fin fine, gli interventi da compiere non richiedono una spesa di milioni, bensì di poche migliaia di euro.

Pertanto, mi permetto di rinnovare la sollecitazione, auspicando che si passi, al più presto, dalle parole/assicurazioni ai fatti e che gli infissi del gioiello artistico di che trattasi siano restaurati e ritornino ad uno stato decoroso, doverosamente consono alla grandiosità e alla bellezza del monumento.

Grazie.

Rocco Boccadamo

2 Commenti a Lecce, il restauro delle porte d’ingresso nella basilica di S. Croce

  1. Anche se non proprio a Lecce, nel Salento alcuni piccoli passi, per quel che concerne il restauro degli infissi e più precisamente dei portoni, si stanno facendo. Potete sicuramente prenderne atto di persona visitando il Comune di Scorrano, Specchia e Galatone che la scorsa estate hanno fatto restaurare, i portoni di Palazzo Veris (sede del comune di Scorrano) e i portoni delle rispettive Chiese Matrici.
    Inoltre, proprio in questi giorni, sempre a Scorrano si è concluso il restauro del tre portoni monumentali della Chiesa della Trasfigurazione del Cristo, meglio conosciuta come la Chiesa di Santa Domenica.
    Il problema secondo me, è rappresentato, oltre che dal reperimento di fondi, anche dalle metodologie di intervento, e dalla carenza di maestranze qualificate. Infatti i portoni sono da sempre considerati di secondaria importanza, affidandone il “restauro” ad improvvisati restauratori lignei, che non avendo specifiche conoscenze attuano interventi poco consoni, non idonei a garantire la conservazione dal bene.

  2. I portoni di S.CROCE a Lecce furono restaurati nel 2000 con delle economie dei fondi del Giubileo, affidati i lavori altrettanto in economia ad una ditta che di restauro erano molto lontani, fermati quasi in tempo mentre spianavano la superficie lignea con una moletta elettrica distruggendo la patina originale, terminati poi con le indicazioni della soprintendenza,

Lascia un commento

La Fondazione Terra d'Otranto, senza fini di lucro, si è costituita il 4 aprile 2011, ottenendo il riconoscimento ufficiale da parte della Regione Puglia - con relativa iscrizione al Registro delle Persone Giuridiche, al n° 330 - in data 15 marzo 2012 ai sensi dell'art. 4 del DPR 10 febbraio 2000, n° 361.

C.F. 91024610759
Conto corrente postale 1003008339
IBAN: IT30G0760116000001003008339

Webdesigner: Andrea Greco

www.fondazioneterradotranto.it è un sito web con aggiornamenti periodici, non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari. Qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci: fondazionetdo@gmail.com

error: Contenuto protetto!